Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

3 MINUTI 1 LIBRO

Alessandro Zaccuri presenta "Poco a Me Stesso"

Scrittore e docente all'Università Cattolica di Milano, scrive un'affascinante versione rielaborata della storia di Alessandro Manzoni

Paolo Gualandris

Email:

pgualandris@laprovinciacr.it

09 Marzo 2022 - 05:15

CREMONA - Un romanzo d’avventure ottocentesco sulla scia di Dumas, Dickens e Balzac che si rivela un raffinato gioco letterario, storico e linguistico, che in realtà ci parla di maschere, naturali o d’impostura, e del bisogno di fare i conti con la propria vera, intima identità. Questo vale per i tre personaggi principali, la ottantenne marchesina Giulia Beccaria, il barone Cerclefleury e il contabile Tirinnanzi che vivono, più o meno consapevolmente, nella finzione sino al finale con le sue necessarie disvelazioni liberatorie.

Del resto Alessandro Zaccuri, tutto ciò lo annuncia sin dal titolo «Poco a me stesso», partendo da Manzoni (e si veda su questo la nota finale dell’autore) e da un suo sonetto che recita «Poco noto da altrui, poco a me stesso / Gli uomini e gli anni mi diran chi sono», e l'ombra dell’identità dell’autore dei «Promessi sposi», senza mai apparire o essere nominato, si stende su tutto il racconto.

Zaccuri, direttore della comunicazione dell’Università Cattolica di Milano, narratore e saggista è il protagonista dell’appuntamento settimanale con la videorubrica «Tre minuti un libro».

Con questo romanzo, candidato al Premio Strega, prosegue l’opera di reinvenzione dell’Ottocento italiano dopo aver pubblicato «Il signor figlio dedicato alla figura di Giacomo Leopardi».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400