il network

Domenica 09 Agosto 2020

Altre notizie da questa sezione


CREMONA

MdV, gli applausi ritrovati

Il Gala Monteverdi segna il ritorno alla nuova normalità. Recital aperto da 30 secondi di silenzio per le vittime

CREMONA (23 luglio 2020) -  Un pubblico sulle prime sperduto, che prova a riprendere le misure con sé stesso e con una delle sale più accoglienti della città, come chi muove i primi passi dopo il trauma di un pesante infortunio. Alle 21 in punto, quando Lena Yokoyama - la musicista che il mondo ha conosciuto come ‘la violinista sul tetto dell’ospedale’ nei giorni più lividi del Covid – imbraccia lo Stradivari Vesuvio 1727, all’auditorium del Museo del Violino si respira un clima che viene davvero difficile chiamare la nuova normalità, ma che almeno per un po’ di tempo ci accompagnerà. Il Gala Monteverdi, un concerto voluto dall’Istituto Superiore di Studi Musicali Monteverdi, è un nuovo inizio carico di tensione ed emozione nel quale ogni cosa è familiare, ma anche molto diversa. Se infatti tutto è nuovo stasera – con un pubblico completamente mascherato, isolato nelle distanze dei due, a volte tre posti tenuti liberi per ragioni di sicurezza fra una persona e l’altra – è il potere taumaturgico della musica a non essere per nulla cambiato. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI FOTO E VIDEO

23 Luglio 2020