il network

Sabato 31 Ottobre 2020

Altre notizie da questa sezione

Blog


IL SONDAGGIO

Contrasto al Covid-19, verso il coprifuoco dalle 22. Saresti d'accordo?

Arriverà non più tardi di lunedì 19 ottobre, se non già domani, il nuovo Dpcm che di fatto andrà a superare quello varato non più di quattro giorni fa, prima che la situazione dei contagi di Coronavirus toccasse quote allarmanti

Contrasto al Covid-19, verso il coprifuoco dalle 22. Saresti d'accordo?

CREMONA (17 ottobre 2020) - Arriverà non più tardi di lunedì 19 ottobre, se non già domani, il nuovo Dpcm del governo Conte che di fatto andrà a superare quello varato non più di quattro giorni fa, prima che la situazione dei contagi da Coronavirus toccasse quote allarmanti come l’ultima da record di oltre 10 mila casi e l’aumento dei ricoveri nelle terapie intensive. All’alba di oggi, 17 ottobre, si è concluso il vertice a palazzo Chigi tra il premier Giuseppe Conte e i capi delegazione che si ritroveranno in serata per il Consiglio dei ministri sulla legge di Bilancio. In mattinata il governo si riunirà con i presidenti delle Regioni e l’Anci prendendosi altre ore di riflessione prima di decidere su nuove misure restrittive. L’obiettivo resta quello di evitare un lockdown nazionale, come quello dello scorso marzo. Una misura che lo stesso Conte ha più volte escluso negli ultimi giorni. Ma una nuova stretta è sostanzialmente inevitabile, a cominciare dal coprifuoco che potrebbe scattare dalle 22 per tutti i locali, con l’ipotesi di una serrata drastica della movida nei weekend con un lockdown totale. Questa misura ti troverebbe d'accordo? E' giusta o eccessiva? Vota il nostro sondaggio

17 Ottobre 2020

Sono d'accordo, bisogna limitare l'evolversi del contagio

39%

Sì, giusto limitare la movida. I ragazzi non rispettano le regole

19%

Stretta sì, ma senza penalizzare ancora una volta il lavoro di baristi ed esercenti

15%

Non sono d'accordo, è una misura che non serve a niente

15%

No, è l'ennesimo colpo agli esercenti già in difficoltà economica

10%

No, c'è troppa poca fiducia nei confronti dei nostri ragazzi

2%