il network

Mercoledì 21 Agosto 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


VOLLEY, SERIE A1 FEMMINILE

Igor Novara - Pomì Casalmaggiore 3-0 (25-13, 25-18, 25-23)

Troppa Novara per la Pomì che chiude quinta e troverà Busto ai quarti di Coppa Italia

Pomì, lunedì 24 agosto si parte con le prelazioni

NOVARA - La Pomì si inchina alla regina d'inverno in poco più di un'ora replicando solo a tratti le buone cose messe in mostra nella vittoria entusiasmante con Busto Arsizio. Da un lato le ragazze di Gaspari non sono state brave a bissare la prestazione di Santo Stefano, dall'altro di fronte si è visto un avversario che ha avuto pochi momenti bui ed anche in quelli ha sempre trovato la stella polare cui votarsi per giungere senza esitazioni alla meta. Facile fare riferimento ad una strepitosa Egonu, vero faro del team di Barbolini, ma in generale ogni elemento del sestetto ha dato il proprio contributo quando chiamato in causa. Per la Pomì quarto di finale di Coppa Italia con Busto Arsizio, battuta da Conegliano con andata il 16 gennaio a Cremona ed il ritorno il 20 a Busto Arsizio.

1 SET - Avvio traumatico per la Pomì che dopo aver rimediato all'avvio lanciato delle piemontesi (5-2) perde precisione in ricezione e, soprattutto, fatica a tenere a muro le uscite di Carlini. Bartsch, Egonu, Veljkovic e Piccinini trovano scarsa resistenza a rete e nella metà campo casalese lanciando l'8-4 piemontese del time out Gaspari. Novara non rallenta il passo, la Pomì non accelera e la panchina ospite è costretta a fermare nuovamente i giochi sul 15-9. Rahimova è l'unica ad ingrassare il bottino con continuità ma è troppo poco al cospetto di una Igor perfetta che centra anche due video-check per chiudere sul 25-13 il primo parziale.

2 SET - Il secondo parziale sembra iniziare sulla falsa riga del primo ma la Pomì stavolta ha la forza, e una Carcaces in più, per tenere il passo delle piemontesi e costringerle al testa a testa. Qualche sbavatura di Bartsch e le soluzioni di Pincerato tengono il punteggio in bilico sino al 10-10 prima che Eognu decida di aprire il gas e con un attacco strepitoso ed un ace forzi il time out rosa sul 15-12. L'opposto di casa è decisivo nel break che consente all'Igor di prendere margine costringendo la Pomì agli straordinari per non finire anticipatamente al tappeto. Kakolewska però è assente ingiustificata e la possibile conversione del 19-16 diventa il 20-15 che spedisce in campo Mio Bertolo per la polacca. Cuttino e Radenkovic girano la diagonale di palleggio ma il finale non cambia e l'errore di Cuttino certifica il 2-0 sul 25-18.

3 SET - La Pomì sembra abbandonare prematuramente la contesa dato che al rientro in campo la prima sgasata di Novara produce uno stato confusionale diffuso che vale il 9-4 oltre all'ingresso di Radenkovic per Pincerato e di Lussana per il giro dietro di Carcaces. Sembra tutto pronto per un agile 3-0 e invece la palleggiatrice serba rivitalizza l'attacco ospite e complici anche alcune sbavature novaresi la Pomì si trova in corsa sul 10-10 e con Rahimova firma il primo vantaggio della serata sull'11-12. La pausa di Egonu regala alla Pomì il massimo vantaggio sul 12-15 ma le rosa non approfittano appieno del momento positivo e Veljkovic le punisce agganciando a quota 17. Il muro di Egonu vale il 19-18 mentre quello di Arrighetti il 19-20. Plak si iscrive alla sagra con quello del 21-20 lanciando a Novara verso il 24-22 che l'mvp Paola Egonu tramuta nel 25-23 che vale il 3-0.

29 Dicembre 2018