il network

Martedì 12 Novembre 2019

Altre notizie da questa sezione


Casalmaggiore

"Io, contattato dagli alieni"

Gaspare De Lama racconta il 'Caso Amicizia' durante l'incontro in Auditorium Santa Croce organizzato dall'associazione Saras

"Io, contattato dagli alieni"

Il pubblico in auditorium

CASALMAGGIORE - "Sono persone come noi, non sono angeli. Il loro pianeta appartiene ad una confederazione galattica. Hanno un corpo diafano. Sono alti 3 metri, ma pesano circa 25 chilogrammi. Vivono 3000 anni. Fanno parte della nostra dimensione e si pongono tra noi e un mondo spirituale, fatto da pura energia". Così, nel pomeriggio di sabato, in un Auditorium Santa Croce gremito, Gaspare De Lama ha descritto gli extraterrestri con cui sostiene di essere rimasto in contatto, insieme ad altre persone, dal 1956 al 1978 in modo continuativo. Con una appendice lo scorso anno.

L'incontro (di cui ci limitiamo a riferire alcuni contenuti, lasciando ai lettori le valutazioni) è stato organizzato dall'associazione Saras in collaborazione con il Centro Milarepa, rappresentato da Domenico Ferrari. Ad introdurre la testimonianza del 'contattato' De Lama è stato Giuliano Falciani dell'associazione Saras: "Non siamo gli unici esseri abitanti nell'Universo. Ma chi sono i contattati? Lo siamo un po' tutti. E' l'Universo a scegliere i suoi emissari, perché tutti facciamo parte di un tutto. Una persona su due crede che non siamo soli nell'Universo, una su quattro crede che dall'Universo possa arrivare anche qualcosa di negativo". 

Cosa ci dobbiamo aspettare? "Questi essere non amano invadere, ostacolare, influenzare le nostre scelte, ma sono pronti a prendere decisioni sull'equilibrio della creazione. Credo ad una presenza positiva nel nostro spazio".

Attenzione altissima, in sala, per il racconto di De Lama: "Mi hanno colpito quando mi hanno detto 'non siamo perfetti, non siamo infallibili' e che 'la verità è ciò che funziona'.  Il loro invito è ad essere noi stessi, con amore per gli altri. A noi è chiesto solo di essere più attenti agli altri, più larghi di vedute, più comprensivi, di non giudicare gli altri". 

De Lama ha detto che la sua avventura è iniziata dopo aver visto un servizio sulla Domenica del Corriere: "Avevo visto un servizio sull'avvistamento di dischi volanti lungo il litorale di Pescara. Ho scritto all'autore delle foto, Bruno Ghibaudi, e l'ho poi incontrato. Sono entrato nel gruppo di chi aveva contatti con gli extraterrestri. C'ero io, pittore, un magistrato, un direttore di banca, impiegati, un commerciante. L'incarico che ci diedero era di restare uniti e di amarci tra noi, con quello spirito che loro chiamavano 'Uredda'". Il gruppo era chiamato W56, dall'anno in cui erano scesi sulla terra". De Lama ha aggiunto che gli alieni avevano basi sotterraneee a 20-30 chilometri, tra Pescara e Rimini: "Io non ci sono mai stato, però, a differenza d'altri, e non sono mai stato sui loro mezzi. Ho sempre avuto contatti tramite una radio, un 'Gelosino' che un giorno misi su un tavolo. Uscì una fiammata azzurra e da allora quello fu il mio mezzo di comunicazione con loro. Riuscivano a capire quel che pensavo, e se avevo cattivi pensieri, mi dicevano 'cambia pensiero'. Se serviva, prelevavano il materiale che loro serviva facendono smaterializzare davanti ai miei occhi. Potevano anche guarire da malattie serie. Prelevavano anche, se serviva, il corpo astrale, non fisico, delle persone, e poi lo rimettevano al suo posto". 

L'esperimento di contatto aveva un nome, 'Amicizia'. "Nel '78 finì tutto e io pensai fosse stato un fallimento. Invece lo scorso anno, tramite una psicanalista di Bologna, Sara, venni contattato da uno di loro, Sigir, che mi disse che non era stato un fallimento".

Falciani ha aggiunto che gli extraterrestri fanno parte di una confederazione di miliardi di popoli, di cui la Terra non fa ancora parte. Alla fine, "quel che conta più di tutto, è l'amore".

22 Marzo 2014

Commenti all'articolo

  • Alessio

    2014/03/23 - 16:04

    ...xchè ti stanno vendendo farina avariata! mi sa tanto di orgia intergalattica sto gruppo! Anche Eva Henger ne fa parte??

    Rispondi