il network

Giovedì 14 Novembre 2019

Altre notizie da questa sezione


Casalmaggiore

'Strage' di bici in stazione

Continua lo stillicidio di furti: colpito il deposito delle 'dueruote', smontate pezzo per pezzo

'Strage' di bici in stazione

CASALMAGGIORE — Nello stillicidio di furti, grandi e piccoli, che sta martoriando Casalmaggiore — non senza risposte da parte dei carabinieri — sono da annoverare anche le ‘imprese’ dei ladri di biciclette. Uno dei loro territori di caccia preferiti è il deposito della stazione ferroviaria.

Basta una rapida occhiata sotto la pensilina per rendersi conto che, a parte le sparizioni tout court (ce ne sono state segnalate almeno tre negli ultimi mesi), le ‘due-ruote’ parcheggiate nelle rastrelliere vengono considerate come una sorta di magazzino ricambi. Se le solide catene con cui i pendolari cercano di salvaguardarsi dalle razzie preservano almeno i telai, non riescono invece a salvare ruote, manubri, catene, pedali, freni e cambi. E le carcasse, smontate pezzo per pezzo, restano come desolati testimoni del passaggio dei piccoli predoni. Le più prese di mira, comunque — sarà forse perché c’è più mercato? — appaiono le mountain-bike.
A terra, in mezzo a quegli altri segnali di inciviltà che sono i rifiuti sparsi (tra bottigliette e cartacce la scelta non manca), si scorgono anche i resti di lucchetti a cavo economici, strappati prima di involarsi con il mezzo. Insomma, difficile difendersi. 
Il miglior deterrente contro i furti sembra ancora quello di servirsi di biciclette scassate, ma poi circolare senza luci, con freni da rottamare, parafanghi arrugginiti e dondolanti o sellini squarciati va a discapito della sicurezza di chi circola.
Basta una rapida occhiata sotto la pensilina per rendersi conto che, a parte le sparizioni tout court (ce ne sono state segnalate almeno tre negli ultimi mesi), le ‘due-ruote’ parcheggiate nelle rastrelliere vengono considerate come una sorta di magazzino ricambi. 

Se le solide catene con cui i pendolari cercano di salvaguardarsi dalle razzie preservano almeno i telai, non riescono invece a salvare ruote, manubri, catene, pedali, freni e cambi.

Leggi di più su La Provincia in edicola mercoledì 19 febbraio

19 Febbraio 2014