il network

Lunedì 09 Dicembre 2019

Altre notizie da questa sezione


Casalmaggiore

Rapina il 'Compro oro' per giocare alle slot: arrestato

Protagonista un 40enne residente a Casalmaggiore, che martedì aveva tentato il colpo in via Cairoli usando una pistola giocattolo

Rapina il 'Compro oro' per giocare alle slot: arrestato

Il Compro oro di Vicobellignano rapinato mercoledì pomeriggio (foto Osti)

CASALMAGGIORE — Diventa rapinatore per andare a giocare alle slot machine e, per farlo, usa anche una pistola giocattolo. Solo che gli va male e viene arrestato nell’arco di pochissimo tempo, proprio mentre sta spendendo i soldi del suo ultimo colpo. 

Protagonista della vicenda un italiano di origini campane, B.R., nato nel 1974, abitante a Casalmaggiore, operaio con un lavoro regolare, arrestato nel pomeriggio di mercoledì poco dopo aver portato a termine una rapina, armato di coltello, ai danni del ‘Compro oro’ di Vicobellignano. Circa 500 euro il bottino.  

L’antefatto era avvenuto martedì pomeriggio. Il 40enne aveva infatti tentato di rapinare a mano armata  il centralissimo ‘Compro oro’ di via Cairoli, a pochi metri da piazza Garibaldi. Il fatto è avvenuto intorno alle 18.30. L’uomo, con il viso parzialmente coperto, ha suonato il campanello spacciandosi per un normale cliente, ma appena all’interno ha compiuto un gesto che ha immediatamente messo in allerta l’addetta, fortunatamente protetta da un vetro antiproiettile. Ha infatti bloccato la porta infilando un giornale, per evitare di restare ‘imprigionato’ all’interno e di perdere tempo per uscire, una volta compiuto il colpo. Poco dopo ha mostrato una pistola — che si è scoperto poi essere un giocattolo — all’impiegata, che ha subito premuto il pulsante collegato al sistema di allarme. Il suono della sirena ha mandato in confusione il 40enne che si è subito allontanato a piedi.

Fallito il primo colpo, nel pomeriggio di mercoledì il secondo è andato a segno. L'uomo però è stato individuato e pizzicato mentre stava giocando in una sala giochi della città. Aveva già speso mezzo bottino. Individuato, ha ammesso le sue responsabilità, anche del tentativo di martedì. Scattato l'arresto, verrà portato in carcere.

Leggi di più su La Provincia in edicola giovedì 13 febbraio

13 Febbraio 2014