il network

Giovedì 20 Giugno 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


San Giovanni in Croce - Sabbioneta

L'ospedale Giuseppe Aragona piange Igor Ranieri

Impiegato dell'ufficio accettazione, è scomparso a 40 anni. Funerali in forma strettamente privata

L'ospedale Giuseppe Aragona piange Igor Ranieri

Igor Ranieri

SAN GIOVANNI IN CROCE — Un grave lutto ha colpito la fondazione ‘Giuseppe Aragona’ di San Giovanni in Croce. Lunedì è prematuramente scomparso, all’età di 40 anni, Igor Ranieri, impiegato dell’ufficio accettazione dell’ospedale. Era stato ricoverato martedì della scorsa settimana nel reparto di Neurologia dell’ospedale di Cremona in seguito ad un malore, di lì era stato trasferito in terapia intensiva e poi nuovamente in reparto, ma non c’è stato purtroppo nulla da fare.  Nato a Cernusco sul Naviglio il 16 settembre 1973, mamma mantovana di San Matteo delle Chiaviche, frazione di Viadana, e papà umbro (Mara e Luciano, già gestori di un ristorante a Ca’ d’Amici), Igor abitava a Vigoreto di Sabbioneta. Dal 2001 era dipendente dell’Aragona, dove ha svolto diverse mansioni: magazziniere, autista (trasportava gli ospiti del centro diurno) e infine, da agosto, all’ufficio accettazione.

 «Sono profondamente addolorato perché Igor era, anzitutto, un amico. Una persona brillantissima, estroversa, un ragazzo d’oro — afferma Vittorio Ceresini, presidente della Fondazione Aragona —. Desidero esprimere ai suoi famigliari il cordoglio di quanti l’hanno apprezzato, e sono tanti». Anche da Roberto Dusi, segretario generale Cisl-Funzione Pubblica dell’Asse del Po, giungono parole di cordoglio: «Igor era nelle Rsu dell’Aragona, come delegato Cisl-Fp. Una persona attiva in ambito sindacale. Una grave perdita per noi». Ranieri era anche da molto tempo donatore Avis e prima di lavorare all’Aragona aveva gestito la stazione di servizio posta lungo la provinciale Asolana. Igor lascia anche la compagna Debora. I funerali si terranno in forma strettamente privata, come annunciano i manifesti funebri.

12 Febbraio 2014