il network

Mercoledì 19 Giugno 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


BOZZOLO

Sentenza 'Compagnoni', quattro aziende ricorrono al Tar di Brescia

L'amministrazione chiede il pagamento del conguaglio degli oneri per i lotti P.I.P acquistati negli anni '90. In ballo ci sono circa 450mila euro

Sentenza 'Compagnoni', quattro aziende ricorrono al Tar di Brescia

Il Municipio di Bozzolo

BOZZOLO – ‘Causa Compagnoni’, i titolari chiamati a pagare la differenza della cifra per l’acquisto dei terreni presentano ricorso al Tar contro il Comune.

La giunta comunale ha deciso di rivalersi su coloro che ai tempi acquistarono i terreni e pagarono una cifra più bassa di quanto poi sentenziato dai tribunali. In pratica l’amministrazione comunale chiede ‘il pagamento del conguaglio degli oneri espropriativi in forza di quanto previsto dalla convenzione per l’assegnazione di un lotto P.I.P.’. Di cinque imprese coinvolte una ha deciso di saldare subito mentre altre quattro hanno invece impugnato l’atto del Comune di Bozzolo e deciso di ricorrere al Tar. Le ditte ricorrenti sono il colorificio Defranceschi, la Ballarini Fausto, l’Immobiliare Loda di Luigi Modena e la ditta Fiore Compagnoni. Le cifre che le imprese devono pagare sono variabili in base alla superficie del lotto. Il Comune di Bozzolo ha deciso di resistere ai ricorsi e si è affidato all’avvocato Arrigo Gianolio.

Leggi di più su La Provincia in edicola domenica 26 gennaio

25 Gennaio 2014