il network

Venerdì 15 Novembre 2019

Altre notizie da questa sezione


Casalmaggiore (Vicomoscano)

Al Bar Mai Tai la banda del buco

Dalla cantina i malviventi hanno praticato un foro nel pavimento del magazzino e fatto sparire le sigarette da uno scaffale

Al Bar Mai Tai la banda del buco

Il foro nel pavimento (foto Osti)

 

«Devono aver studiato molto bene la posizione dei locali», spiega Camillo Flisi, il titolare dell’esercizio pubblico. «Dalla cantina hanno fatto un buco nel pavimento del locale in cui teniamo le sigarette, proprio al centro della piccola stanza e hanno svuotato interamente uno scaffale. Probabilmente sono venuti qui per più di una sera per preparare il colpo». Circa 200 le stecche asportate. «Abbiamo l’allarme, ma non copre questa stanza, che fra l’altro è chiusa con una porta blindata». 
Per il titolare «il danno complessivamente ammonterà a circa 10mila euro». Non è la prima volta che il locale subisce furti: «Sono già venuti tre volte».
Intorno alla mezzanotte e mezza è scattato l’allarme all’interno del bar Patty di Patrizia Sartori, in via Cairoli 117 (recentemente oggetto di due colpi consecutivi, tra il 29 e il 30 dicembre 2013 e nella notte tra l’1 e il 2 gennaio 2014, ma già in passato). «Sono entrati dalla stessa finestrella dell’altra volta, vicina al bancone del bar, e hanno preso una ventina di stecche di sigarette», spiega Patrizia. «Abbiamo trovato anche del sangue vicino alla finestra: entrando o uscendo il ladro si deve essere fatto del male». I furti sono stati denunciati ai carabinieri.
CASALMAGGIORE (Vicomoscano) - Furto di sigarette al bar ‘Mai Tai’, posto in centro paese lungo la provinciale Castelnovese. I malviventi sono entrati nella cantina dall'ingresso posteriore, attraverso una piccola presa d’aria. Poi hanno fatto un buco nel pavimento del locale in cui sono depositate le sigarette, proprio al centro della piccola stanza e hanno svuotato interamente uno scaffale. Circa 200 le stecche asportate. 

Complessivamente il danno ammonta "a circa 10mila euro", secondo il titolare Camillo Flisi. "I ladri - commenta sconsolato - sono già venuti tre volte".

 

Leggi di più su La Provincia in edicola giovedì 23 gennaio

22 Gennaio 2014