il network

Giovedì 14 Novembre 2019

Altre notizie da questa sezione


VIADANA (Torre d'Oglio)

Ponte crollato, maxi gru e sommozzatori in azione

Per finanziare la sistemazione definitiva gli amministratori chiederanno la deroga al patto di stabilità per la Provincia di Mantova

Ponte crollato, maxi gru e sommozzatori in azione

Ecco come si presenta ponte di Torre d'Oglio

VIADANA – Analisi immediata dei danni alle imbarcazioni per un ripristino che sia il più rapido possibile e richiesta alla Regione della deroga al patto di stabilità per la Provincia di Mantova per poter sistemare definitivamente il ponte. Sono questi i punti emersi dall'incontro di giovedì pomeriggio presso la sede dell'amministrazione provinciale a Mantova con argomento la chiusura, dal 27 dicembre, del ponte di barche di Torre d'Oglio a causa dell'affondamento di 2 delle 12 chiatte.

Erano presenti il presidente della Provincia di Mantova Alessandro Pastacci, l'assessore provinciale al Patrimonio Massimo Dall'Aglio, l'assessore all'Ambiente di Viadana Adriano Saccani assieme al consigliere comunale Cesarina Baracca, il sindaco e il vicesindaco di Marcaria Carlo Orlandini e Carlo Alberto Malatesta, il sindaco di Pomponesco Giuseppe Baruffaldi e il vicesindaco di Dosolo Uber Pasquali. Già nella mattinata di venerdì le due ditte incaricate dalla Provincia (titolare della strada che corre sull’assito del manufatto galleggiante) saranno sul posto con due maxi gru ed un sommozzatore si immergerà per imbragare il materiale che si trova sotto al fiume Oglio. 

Una volta portate in superficie si potrà valutare l’effettiva consistenza del danno. In ogni caso saranno sostituite con due di scorta, sempre in cemento.

Leggi di più su La Provincia in edicola venerdì 3 gennaio

 

03 Gennaio 2014