il network

Giovedì 20 Giugno 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


Calvatone

Contributi Gal Oglio Po, distribuiti 180mila euro

E ora apre il nuovo piano di sviluppo locale 2014-2020

Contributi Gal Oglio Po, distribuiti 180mila euro

Giuseppe Torchio, presidente del Gal Oglio Po Terre d'Acqua

CALVATONE — Sono oltre 180.000 euro i contributi che il GAL (Gruppo di Azione Locale) Oglio Po - Terre d’Acqua ha assegnato al territorio dopo la chiusura degli ultimi bandi. I progetti finanziati consentiranno di potenziare i servizi rivolti alle fasce deboli, di incrementare la produzione di energia da fonti energetiche rinnovabili per scopi di pubblica utilità e di migliorare i percorsi ciclopedonali dell’area Leader. 

Sono questi i filoni di maggiore interesse del territorio, per i quali il GAL ha rinnovato l’occasione di finanziamento. In chiusura della programmazione 2007 – 2013 (il 2014, lo ricordiamo, rappresenta l’avvio del nuovo ciclo che si chiuderà nel 2020), il GAL auspica di poter reimpiegare eventuali residui che si registreranno sui progetti già in fase di rendicontazione per poter soddisfare le altre domande in graduatoria.   

Il territorio ha infatti manifestato un elevato interesse per i bandi, rispondendo con richieste per oltre 1,2 milioni di euro. Il GAL, mentre già lavora alla costruzione della nuova strategia, è quindi pronto ad intercettare eventuali economie per concretizzare i progetti presentati da Comuni, fondazioni e associazioni: «Rafforzando quanto realizzato negli ultimi anni — spiega il presidente Giuseppe Torchio — pianifichiamo con gli attori chiave una nuova strategia per catalizzare le molteplici eccellenze della nostra area rurale. In questi termini — conclude l’ex presidente della Provincia di Cremona e attuale consigliere di minoranza provinciale — desidero ringraziare quanto hanno saputo rispondere alle sollecitazioni del GAL, permettendo di dare vita ad oltre novanta progetti che hanno sicuramente valorizzato il nostro territorio e migliorato la qualità della vita con una certa attenzione anche agli aspetti sociali».

31 Dicembre 2013