il network

Martedì 25 Giugno 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


Marcaria (Campitello)

Incendio, straniero muore per il monossido

Vittima un 40enne egiziano. Le cause del decesso sembrano da ricondurre ad asfissia. L'uomo lavorava alla Mec Carni

Incendio, straniero muore per il monossido

MARCARIA (Campitello) - Un 40enne celibe, operaio, egiziano, regolare sul territorio nazionale, Abdelsalam Rabie El Saied, operaio alla Mec Carni di Marcaria, è stato ritrovato privo di vita nel primo pomeriggio di venerdì 27 a Campitello di Marcaria. 

Occorrerà attendere i risultati dell'autopsia, che il magistrato Giulio Tamburini dovrebbe disporre nelle prossime ore, per capire le cause esatte del decesso. L'uomo era steso sul divano letto bruciato, con diverse ustioni sul corpo. Il frigorifero era rovesciato e i muri delle pareti completamente anneriti.

A dare l'allarme è stato un connazionale dell'uomo che ha chiamato i carabinieri. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di Marcaria e del nucleo operativo radiomobile.

Il 40enne egiziano era esanime sul divano, danneggiato da un incendio sviluppatosi probabilmente nei giorni precedenti e poi autoestintosi. I primi accertamenti, secondo quanto riferiscono i carabinieri della Compagnia di Viadana guidati dal capitano Antonino Chiofalo, attribuiscono il decesso per asfissia causata da intossicazione da monossido di carbonio, senza apparenti elementi di reato. 

Si esclude al momento l'ipotesi dolosa dell'incendio. L'immobile riportava danni non gravi. Indagini sono in corso per far luce piena su quanto avvenuto.

27 Dicembre 2013