il network

Giovedì 14 Novembre 2019

Altre notizie da questa sezione


Gussola

Caso Orefici, Laino si difende

Il rappresentante di due società cooperative rigetta l'accusa di circonvenzione d'incapace

Caso Orefici, Laino si difende

Franco Orefici

CASALMAGGIORE — Si è presentato nell’aula di giustizia con un faldone pieno di carte. Ci sono le fatture di pagamento emesse per i lavori di ristrutturazione che lui ha fatto nella casa  dell’amico. Ci sono le polizze e i conti correnti. «I soldi sono ancora tutti lì». Donato Laino non ci sta a passare per colui che ha ‘fregato’ l’amico Franco Orefici, «bizzarro» personaggio di Gussola, affetto da bipolarismo, come certifica il carteggio medico, dal patrimonio cospicuo, amante della bella vita e giramondo, morto a 55 anni senza neanche più un euro. Morto il 18 dicembre del 2006 a Ibiza, il suo ultimo  viaggio. Originario di Matera, legale rappresentante di due società cooperative, trenta dipendenti, Laino ieri si è difeso dall’accusa di circonvenzione di incapace che lo vede sul banco degli imputati insieme alla moglie Isabella e alla figlia Mara. Ha detto di aver effettuato dei lavori per Orefici e prodotto le fatture di pagamento.

Per il professor Giuseppe Fazzari, direttore dell’Unità Operativa di Psichiatria all’ospedale di Brescia, perito del giudice,  «il disturbo bipolare di cui Orefici soffriva da tempo non poteva non essere riconosciuto». 

La sentenza è attesa per il 6 febbraio. 

Leggi di più su La Provincia in edicola martedì 17 dicembre

16 Dicembre 2013