il network

Sabato 07 Dicembre 2019

Altre notizie da questa sezione


Viadana

Portanuova: "L'Ospedale Oglio Po non si tocca"

Dopo le notizie di ridimensionamento rese note dal Movimento 5 Stelle, "urge la convocazione di tutti i capigruppo regionali da parte dei sindaci"

Portanuova: "L'Ospedale Oglio Po non si tocca"

Uno scorcio dell'ospedale Oglio Po

VIADANA - 'L'ospedale Oglio Po non si tocca', dice la Lista Civica Portanuova di Viadana. 
"Ancora una conferma dalla Regione di un nuovo ridimensionamento di reparti all'Ospedale Oglio PO", esordisce un comunicato della lista. "Notizia appresa grazie all'interessamento del Movimento 5 Stelle e il totale silenzio assenso di tutte le altre forze politiche nonostante, a livello locale, si dicano contrarie e pronte alle barricate. I timori di sempre sui progetti regionali di declassare il nostro ospedale, se non peggio, diventano sempre più certezze e a nulla varranno incontri e striscioni esposti a cose ormai fatte, come successo per la chiusura dell'Agenzia delle Entrate a Viadana".
Continua Portanuova: "La politica degli opportunismi e dei finti difensori deve finire perchè in gioco c'è il futuro di un territorio che, privato di servizi, è destinato a divenire periferia estrema priva di attrattive per qualsiasi  futuro investimento, sia pubblico che privato.Questa decisione regionale va rigettata con forza ed è dovere di tutte le forze politiche locali e di tutte le Amministrazioni interessate mobilitare le popolazioni affinchè si giunga ad un ripensamento da parte della Regione unitamente ad un piano concordato (Regioni e Comuni) che certifichi il mantenimento nel tempo della struttura ospedaliera".
E ancora: "A Viadana il sindaco, molto attivo nel portare avanti un progetto di iniziativa privata in campo sanitario, dovrebbe scattare dalla sedia e già che era in Regione l'altro giorno (dove sembrerebbe riuscito, stante le notizie stampa non smentite, a far perdere alla comunità una buona fetta del finanziamento legato alla Celtic Leauge), avrebbe potuto bussare alla porta dell'Assessore Regionale per chieder conto di questa decisione manifestando la contrarietà di tutta la comunità viadanese. Urge la convocazione di tutti i capigruppo regionali (maggioranza e minoranza) da parte dei Sindaci locali o anche come iniziativa dei Presidenti del Consiglio per chiedere loro un concreto impegno politico, ad ogni livello istituzionale, in difesa dell'Ospedale Oglio Po, impegno che si attua solo bloccando ogni progetto di ridimensionamento", conclude Portanuova.

13 Dicembre 2013