il network

Giovedì 20 Giugno 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


Casalmaggiore

Mensa, la riaprirà Santa Chiara

Lega all'attacco in consiglio comunale per i ritardi. Il sindaco: 'Solo bla bla'. A confronto due visioni sulla formazione professionale. Duro scontro sui bilanci dell'istituzione

Mensa, la riaprirà Santa Chiara

Il consiglio comunale riunito giovedì sera (foto Osti)

CASALMAGGIORE — La mensa comunale nel complesso di Santa Chiara è chiusa da agosto. Una chiusura «improvvisa» l’ha definita il sindaco Claudio Silla giovedì sera in Consiglio comunale rispondendo all’interpellanza urgente presentata dal gruppo della Lega Nord. «Siccome nel perimetro gestito dalla fondazione S. Chiara c’è anche una foresteria, verosimilmente la mensa partirà nuovamente e la gestirà la fondazione". Il capogruppo del Carroccio Filippo Bongiovanni aveva chiesto spiegazioni, chiedendo se fossero previste penali in caso di recesso anticipato da parte della cooperativa che gestiva il servizio e come l’amministrazione intendesse far fronte alla cessazione: «Si tratta, è vero, di un servizio non essenziale, ma potrebbe avere un ruolo importante a fronte della crisi economica, per quei lavoratori, e la andavano dipendenti di diverse aziende locali, che non possono affrontare le spese di un ristorante o di un bar». 

Il primo cittadino ha replicato che l’amministrazione non intende cambiare impostazione: «Abbiamo esternalizzato la gestione (dal 2011, ndr) con un affidamento diretto in via sperimentale a una cooperativa perché ogni anno registravamo un disavanzo di oltre 20mila euro. Non è un mestiere del Comune fornire i pasti agli adulti assumendosi il rischio d’impresa, mentre è una scelta mantenere la mensa scolastica per i bambini. Non erano previste penali per la fuoriuscita anticipata appunto perché si trattava di un affidamento sperimentale». Bongiovanni ha obiettato che «ci sono persone lasciate a casa, la cuoca ad esempio, e forse la faccenda poteva essere gestita meglio. Se Santa Chiara però ritiene di poter offrire il servizio, comunque va bene».

Il primo scontro duro si era registrato in precedenza, sui tempi di presentazione al consiglio dei conti consuntivi 2011. 

Leggi di più sul giornale in edicola venerdì 29 novembre

29 Novembre 2013