il network

Mercoledì 19 Giugno 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


Casalmaggiore

Un defibrillatore in memoria di Alessandro Varasi

Dono della famiglia del 15enne scomparso alla Casalese. "Un grazie ai ragazzi del '96", dice il padre. Paolo Azzi: "Gesto generoso"

Un defibrillatore in memoria di Alessandro Varasi

Pietro e Monica Varasi e Paolo Azzi (foto Osti)

CASALMAGGIORE - Poco dopo le 13 e 30 di domenica, davanti agli spogliatoi dello stadio 'Icio Ferrari', Pietro e Monica, i genitori di Alessandro Varasi, il giovanissimo scomparso il 24 settembre 2011 a soli 15 anni in seguito ad un incidente stradale, hanno consegnato alla Casalese un defibrillatore, a servizio del campo da calcio.

"Da parte nostra - ha detto Pietro Varasi - ringrazio i ragazzi del '96, gli allenatori e la dirigenza. Avevano fatto un bel gruppo e Alessandro si divertiva tantissimo".

Gratitudine è stata espressa dal presidente della Casalese, Paolo Azzi: "Non posso che rivolgere un ringraziamento per questo gesto così generoso e che rende eloquente la sensibilità che la famiglia Varasi ha per la nostra società e per tutte le realtà che hanno avuto a che fare con Alessandro. Li ringrazio a nome della Casalese e di tutto il mondo dello sport".

I costi di acquisto ed installazione sono a carico dei coniugi Varasi, mentre la formazione dei tecnici per utilizzare l'apparecchio è a cura della Casalese. Si tratta del secondo defibrillatore presente nel centro sportivo Baslenga.

24 Novembre 2013

Commenti all'articolo

  • 2013/11/24 - 14:02

    bravi ragazzi,che bellissimo gesto.L'ho sempre detto che siete persone speciali.Un abbraccio,Fulvio

    Rispondi