il network

Domenica 15 Dicembre 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


Casalmaggiore (Fossacaprara)

"Il veggente Celeste? Io ci credo"

Domenica 24 Obertelli farà la chiamata mensile alla cappella Aschieri. Un testimone racconta: "Così sono guarito". A San Bonico "tanti segni della Madonna"

"Il veggente Celeste? Io ci credo"

CASALMAGGIORE (Fossacaprara) — Sta suscitando un grande interesse — tra fede e scetticismo spinto — l’annunciata presenza per le 16 di domenica 24, alla cappella della ditta Aschieri, del veggente piacentino Celeste Obertelli. Questi sostiene di avere un’apparizione della Madonna ogni giovedì sera a San Bonico, dove ogni volta si raduna una piccola folla. Tutto questo va avanti dall’8 luglio 2004. La Chiesa non ha ancora riconosciuto le apparizioni e, anzi, sia il vescovo di Piacenza che quello di Parma hanno consigliato a preti e diaconi di non partecipare agli incontri per non avallare il ‘fenomeno’.

Per cercare di capire di più - senza voler nè sposare nè demolire per partito preso — ci siamo messi in contatto con una persona, Alberto Ceriati di Fontanellato (Parma), che segue il veggente dal giugno 2006, ovvero dalla 102esima apparizione. Ceriati, persona di grande fede, ha accettato volentieri di dare la sua testimonianza. «Sono ormai quasi otto anni che ho cominciato a frequentare San Bonico. All’inizio ci contavamo sulle dita di due mani e anch’io avevo dei dubbi, poi ho visto le mie preghiere esaudite e ho cominciato a sentire la presenza della Madonna in quel luogo. Lei mi ha aiutato a fare delle scelte nella mia vita che alla fine si sono rivelate azzeccate». 

Lei ha avuto segni?«Ero quasi sordo dall’orecchio destro. Il 13 gennaio 2011 ero appena arrivato a San Bonico quando ho sentito come uno strappo all’interno. Da allora sento bene con entrambi gli orecchi, come ha confermato una visita medica che ho appena passato».

Leggi l'intervista completa sul giornale in edicola giovedì 21 novembre

21 Novembre 2013