il network

Giovedì 14 Novembre 2019

Altre notizie da questa sezione


Viadana

"Mini unità abitative nella Palazzina sanitaria di piazzale Libertà"

La proposta alternativa di Pdl-Forza Italia. Parlano Luigi Zaini, Paolo Rossini e Christian Manfredi

"Mini unità abitative nella Palazzina sanitaria di piazzale Libertà"

Piazzale della Libertà

VIADANA - Luigi Zaini, responsabile della Sanità per PDL-Forza Italia, Paolo Rossini, portavoce PDF-FI e Christian Manfredi capo gruppo PDL-FI lanciano una proposta sulla palazzina sanitaria posta in piazzale Libertà.

"La palazzina sanitaria nel piazzale Libertà - esordiscono - rappresenta  per il PDL-Forza Italia un  progetto da non contrastare e per una maggiore valorizzazione il capo gruppo in consiglio comunale ha già lanciato l'idea di aggregare alla struttura la farmacia al fine di completare la qualità  del nuovo polo sanitario. Proseguendo su tale linea il PDL-forza Italia vuole essere propositivo e lungimirante invitando la cittadinanza, gli investitori,e i consiglieri comunali a valorizzare e considerare anche un progetto alternativo. Questo non intende essere migliore di quello preso in esame ma proporre una idea che sia in linea con la realtà  dei nostri tempi". 

Continuano: "La casa di riposo di Viadana, come la casa albergo Comunale hanno una lista di attesa importante che con il passare degli anni tende sempre più ad allungarsi. Con la responsabile della struttura abbiamo avuto la conferma della necessità  di cercare nuove progettualità  per coprire una sempre più forte richiesta di assistenza ad un costo inferiore rispetto al presente. L'idea che intendiamo lanciare è di proporre nel Piazzale della Libertà la realizzzione di mini unità abitative sulla base di un progetto definibile "Residenza sanitaria  assistita" in collaborazione e in convenzione con la casa di riposo che gestirà  il servizio domiciliare e  i bisogni primari sanitari. Per l'investitore non cambierebbe  l'oggetto della convenzione trattandosi sempre di una redditività  legata al sistema locativo nella palazzina sanitaria. Questa oltre a ricoprire quelle esigenze sanitarie definibile anche di base garantirà  gli equilibri sanitari locali sopratutto per la vicinanza alla struttura publica
ospedaliera. Oggi il bisogno della nostra realtà  è di poter garantire i bisogni di quelle persone anziane, le quali, negli ultimi ventanni sono aumentate di oltre i1 150%. Il dato tiene conto del fatto che  sono sempre più soli, in quanto i figli e/o i giovani sono spinti per motivi occupazionali a cercare lavoro lontano dai propri nuclei famigliari".

Proseguono Zaini, Rossini e Manfredi: "Il Comune dopo i trenta anni diventerebbe propietario della struttura che avrà  dimensione  polivalente; polivalente in quanto fin dal primo momento l'amministrazione Comunale potrebbe utilizzare alcuni mini appartamenti con una destinazione sociale in quelle situazioni di precarietà  o di estrema povertà. Una proposta che non intende essere in contrapposizione con quella presentata ma il frutto di una linea politica ove le priorità  territoriali sociali delle persone sono viste in una ottica di essenzialita verso un futuro certamente diverso dalla propria realtà".


14 Novembre 2013