il network

Giovedì 14 Novembre 2019

Altre notizie da questa sezione


Calamita'

Nubifragio, sì ai rimborsi

La Regione riconosce le zone colpite dall'evento di sabato 13 luglio. Ricompresi quasi tutti i Comuni del Casalasco, oltre a Viadana, Sabbioneta e Pomponesco

Nubifragio, sì ai rimborsi

Una pianta caduta lungo l'Asolana

«Ricorrono le condizioni obiettive di danno tali da giustificare le richieste, alla Regione Lombardia, di delimitazione dei territori danneggiati dall’eccezionalità dell’evento calamitoso». Con queste parole la giunta regionale lombarda ha approvato una delibera — pubblicata nella serie ordinaria 44 di giovedì 31 ottobre del Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia — con la quale vengono delimitati i territori comunali delle province di Brescia, Cremona e Mantova che hanno subito danni alle produzioni agricole superiori al 30% della produzione lorda vendibile media ordinaria a causa della eccezionale grandinata che si è verificata lo scorso sabato 13 luglio. Tutto ciò «ai fini dell’attuazione del trattamento di integrazione salariale in favore dei lavoratori agricoli nelle aree colpite da avversità atmosferiche eccezionali».

I Comuni riconosciuti dal Pirellone come danneggiati sono: Cà D’Andrea, Cappella De’ Picenardi, Casalmaggiore, Casteldidone, Cella Dati, Cicognolo, Cingia De’ Botti, Corte De’ Frati, Derovere, Gabbioneta Binanuova, Gussola, Martignana di Po, Motta Baluffi, Ostiano, Pescarolo ed Uniti, Pessina Cremonese, Piadena, Pieve San Giacomo, Rivarolo Del Re, San Giovanni In Croce, San Martino Del Lago, Scandolara Ravara, Scandolara Ripa D’oglio, Solarolo Rainerio, Torre De’ Picenardi, Torricella del Pizzo e Voltido. Per quanto riguarda la provincia di Mantova ci sono Pomponesco, Sabbioneta, Viadana. 

Leggi di più sul giornale in edicola domenica 3 novembre

03 Novembre 2013