il network

Domenica 15 Dicembre 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


Casalmaggiore

Rapina alla Benetton, Di Paola Avella patteggia 2 anni

Il giovane aveva già ammesso le proprie responsabilità. Il colpo portato a termine il 16 aprile 2013

Rapina alla Benetton, Di Paola Avella patteggia 2 anni

Francesco Di Paola Avella

CASALMAGGIORE - Ha patteggiato due anni Francesco Di Paola Avella, il 24enne pluripregiudicato originario di Castellamare di Stabia e residente a Canneto sull'Oglio, l'autore della rapina a mano armata compiuta tra le 15.30 e le 16 di martedì 16 aprile 2013 ai danni del negozio Benetton di via Repubblica. Il giovane, assistito dall'avvocato Stefania Giribaldi, aveva già ammesso le proprie responsabilità davanti al giudice Platè, nel corso dell'interrogatorio di garanzia.

Il giovane ha detto che al momento del colpo non era lucido, avendo bevuto prima di colpire, e ha descritto una situazione di disperazione e di necessità. E' disoccupato come la compagna, con un figlio di tre anni. Ha cinque fratelli e anche i genitori non hanno lavoro. Il suo avvocato aveva chiesto per lui gli arresti domiciliari a casa dei genitori.

La conferenza stampa dei carabinieri di mercoledì 17 aprile 2013

Francesco Di Paola Avella, 24enne pluripregiudicato originario di Castellamare di Stabia e residente a Canneto sull'Oglio, è l'autore della rapina a mano armata compiuta tra le 15.30 e le 16 di martedì 16 aprile ai danni del negozio Benetton di via Repubblica. Lo hanno reso noto i carabinieri di Casalmaggiore nella conferenza stampa iniziata alle 10 di questa mattina e tenuta dal capitano Cristiano Spadano, comandante della Compagnia. L'uomo è stato arrestato intorno alle 18 di martedì a Vicoboneghisio, mentre a piedi camminava sulla strada per Rivarolo del Re. Recuperato il bottino: 640 euro in contanti. La lama che ha puntato alla gola della commessa era un comune coltello da cucina. L'uomo, scarcerato a marzo 2012 per rapina in concorso nel mantovano e già denunciato per un furto avvenuto in galleria Gorni a Casalmaggiore nel 2007, era entrato alla Benetton, prossima al supermercato Conad, con il volto mascherato da un passamontagna, pantaloni neri della tuta, felpa bianca con cappuccio, e aveva minacciato la commessa, sola in negozio, intimandole di dargli i soldi. 

Poi il giovane aveva prelevato il cassetto della cassa ed era scappato in direzione del viale della stazione dandosela a gambe, inseguito dal titolare del negozio, che si trovava sul retro e si è avvicinato al bancone rendendosi conto che stava succedendo qualcosa.  Il bandito sulle prime voleva fuggire con il treno, ma evidentemente doveva attendere troppo e, non sentendosi sicuro, ha proseguito la fuga a piedi, ha raggiunto il quartiere Fiammetta e, di là, aveva preso la strada per Rivarolo. Nel frattempo il rapinatore era entrato in un giardino dove aveva svuotato e gettato il cassetto,  ritrovato poi dal titolare. Di lì a poche ore i carabinieri del radiomobile e della stazione di Casalmaggiore, oltre a quelli del nucleo operativo, hanno messo le manette ai polsi dell'uomo, ritrovato mentre camminava accanto a un negozio vicino alla chiesa di Vicoboneghisio. Il rapinatore è stato poi riconosciuto dal titolare della Benetton.

18 Ottobre 2013