il network

Giovedì 14 Novembre 2019

Altre notizie da questa sezione


SOLAROLO RAINERIO

"Manca una figura che dall'alto della sua indiscutibile personalità possa guidare il cambiamento"

Il giornalista Stefano Folli, ospite della conviviale Rotary ha parlato dell'attuale situazione politica ed economica

"Manca una figura che dall'alto della sua indiscutibile personalità possa guidare il cambiamento"

Stefano Folli, secondo da sinistra

SOLAROLO RAINERIO – E' stata l'attuale situazione economico politica l'argomento al centro della conviviale di mercoledì sera al ristorante La Clochette. Ad organizzare il Rotary Casalmaggiore Oglio Po e il Rotary Piadena Oglio Chiese. Ospite, per un argomento quanto mai attuale, era Stefano Folli, giornalista 64enne romano direttore nel 2003 e nel 2004 del Corriere della Sera e oggi editorialista de Il Sole 24 ORE. Folli ha dipinto uno scenario poco rassicurante e tutt'altro che roseo. Lo scenario politico non porta ad avere fiducia perché anche in presenza di una grande coalizione non vedono la luce le riforme veramente utili. “Manca in Italia – ha sottolineato - un Charles De Gaulle che possa dall'alto della sua indiscutibile personalità guidare il cambiamento. Matteo Renzi è una novità che deve ancora dimostrare quanto vale, per ora è un buona attrazione mediatica”. Interrogato sulla questione dell'infiltrazione mafiosa anche al nord “succede perché abbiamo politici deboli. Manca una visione per le prossime generazioni. Il disastro della scuola e dell'università negli ultimi 40 anni lo vediamo coi risultati che si riflettono anche sulla politica”. La via d'uscita sono onestà e maggiore ricambio della classe dirigente “impedita da una legge elettorale che ha slegato ogni rapporto tra eletto ed elettore, la strada potrebbe essere quella di una legge simile a quella francese, ma nessuno degli attuali attori politici vuol rinunciare ai benefici dell'attuale legge, nessuno è così nobile da rischiare il cambiamento che servirebbe all'Italia”.

17 Ottobre 2013