il network

Mercoledì 19 Giugno 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


Scandolara Ravara

"Evasori? Ma mi facciano il piacere!"

L'ex sindaco e attuale presidente provinciale CNA Giovanni Bozzini contesta duramente i dati dell'IRES Piemonte secondo cui gli scandolaresi sarebbero a rischio di evasione fiscale per la differenza tra quanto dichiarato e gli indici di benessere

"Evasori? Ma mi facciano il piacere!"

SCANDOLARA RAVARA - "Ho appreso, con notevole stupore, dalla pagina dell’economia, che tra i comuni a rischio di evasione al secondo posto come maglia nera è stato classificato il Comune di Scandolara Ravara. Almeno così sanciscono gli studiosi dell’IRES Piemonte. Questi signori affermano, nel loro studio , un set di indici di benessere che si discosta particolarmente dal livello medio di reddito dichiarato. Ma questi signori sono mai stati a Scandolara Ravara?"

Esordisce così l'ex sindaco di Scandolara Ravara, Giovanni Bozzini, attuale presidente provinciale della CNA, in una presa di posizione che contesta duramente i risultati dell'indagine IRES.

"Sanno qual è il livello di disoccupazione, quanti sono i cassintegrati a Scandolara? Hanno un’idea del numero di famiglie immigrate monoreddito e con un cospicuo numero di figli a caricopresenti in paese? Sono passati dai Servizi Sociali del Comune? Si sono resi conto che Scandolara è diventata principalmente un paese di persone anziane e di agricoltori? Provino chiedere a quest’ultimi quale è stato il reddito degli ultimi anni prodotto dai loro terreni, ed in particolare chiedano quale è stato il recente raccolto che a causa del maltempo non ha lasciato scampo alla stragrande maggioranza delle aziende".  

Continua Bozzini: "Vengano loro a trovare “le risorse nascoste” nel Comune di Scandolara, almeno si renderanno conto di persona della situazione. Dicono di aver verificato il numero dei autoveicoli (rispetto al numero dei dichiaranti) e le tonnellate di rifiuti prodotti!! Da qui, Scandolara sarebbe a rischio di evasione “ma mi faccia il piacere” come direbbe Totò’. Avevamo una grande azienda che purtroppo ha chiuso e pare in modo irreversibile. Gli artigiani si contano sul palmo di una mano,e salvo qualche sporadico caso, che fortunatamente ha un mercato di nicchia,  riescono a garantire alcuni posti di lavoro. Il giorno in cui finiranno anche gli ammortizzatori sociali lo scenario non potrà che peggiorare. Nemmeno Gussola a cui è stato assegnato il primo posto di Comune a rischio si scosta molto da questo scenario. Se questi “studiosi” pensano di poter sollevare le sorti del paese con la lotta all’evasione indicando Scandolara Ravarastanno freschi, da noi lo Stato più che incassare dovrà pensare a garantire per molti casi un minimo vitale".

05 Ottobre 2013