il network

Mercoledì 13 Novembre 2019

Altre notizie da questa sezione


Casalmaggiore

Sostituzione d'identità per il permesso di soggiorno, quattro denunciati

Due extracomunitari, dopo aver fornito false generalità con l'aiuto di due connazionali, tentavano di superare l'esame di lingua italiana alla scuola media Diotti

Sostituzione d'identità per il permesso di soggiorno, quattro denunciati

Un'auto della polizia stradale di Casalmaggiore

CASALMAGGIORE - Si sono sostituiti a dei connazionali per sostenere l'esame di lingua italiana e ottenere il rilascio del permesso di soggiorno di lungo periodo, ma sono stati scoperti dalla polizia stradale di Casalmaggiore e denunciati a piede libero.

Il fatto, che vede protagonisti quattro extracomunitari, è avvenuto mercoledì 25, quando gli uomini del Distaccamento di polizia stradale diCasalmaggiore sono intervenuti presso l’Istituto Comprensivo “G. Diotti” di Casalmaggiore, ove era stata istituita, nell’ambito delle procedure previste dal Decreto Ministeriale del 4 giugno 2010, una commissione per l’accertamento della conoscenza della lingua italiana dei cittadini stranieri richiedenti il permesso di soggiorno per lungo periodo (Decreto Legislativo numero 286 del 25/07/1998).

Su segnalazione del personale che aveva seguito la procedura amministrativa elogistica con la registrazione dei partecipanti, gli uomini della polizia stradale hanno verificato che due cittadini extracomunitari, fornendo false dichiarazioni in ordine alla loro identità, si sono sostituiti a due soggetti connazionali in modo da sostenere la prova di esame in lingua italiana necessaria per ottenere il rilascio del permesso di soggiorno per lungo periodo.

Ad attirare l’attenzione del personale operante è stata l’evidente incongruenza tra le foto riportate nei documenti esibiti (permesso di soggiorno e carta d’identità) persostenere la prova d’esame e le persone che materialmente (dichiarando una falsa identità) erano presente nell’aula.

I quattro extracomunitari, di cui due donne, K.R. (donna) classe 1993, A.M. (donna) del 1984, K.I. del 1976 e G.S. del 1980, tutti regolarmente soggiornanti in Italia,sono stati denunciati in stato di libertà alla Procura di Cremona per il reato previsto e punito dall’articolo 495 del codice penale, false dichiarazioni a pubblico ufficiale.

27 Settembre 2013