il network

Lunedì 08 Marzo 2021

Altre notizie da questa sezione


VIADANA

Ibis sacro, nuovi avvistamenti

Alcuni esemplari dell'uccello che nell'Antico Egitto veniva venerato come una divinità, stazionano nella zona denominata 'Pavesina', appena fuori dalla città, mentre altri sono stati notati nelle frazioni di Salina e Casaletto

Ibis sacro, nuovi avvistamenti

VIADANA (17 febbraio 2021) - L'ibis sacro, l'uccello che nell'Antico Egitto veniva venerato come una divinità, in quanto considerato la rappresentazione terrena del dio Thot, è comparso per la prima volta nelle campagne del Viadanese, avvistato nei giorni scorsi da diverse persone e fotografato. È un animale inconfondibile per il colore bianco di corpo e ali, in netto contrasto con il nero del becco, con testa e collo 'nudi', cioè senza penne. Alcuni esemplari stazionano nella zona denominata 'Pavesina', appena fuori dalla città, mentre altri sono stati notati nelle frazioni di Salina e Casaletto. Estinto in Egitto ma ampiamente diffuso in Africa sub-sahariana e in Iraq, in Italia l'ibis sacro si trova soprattutto nelle risaie del Piemonte nel Delta del Po, mentre in territorio mantovano è stato segnalato nel Parco del Mincio da dove, probabilmente, provengono gli animali che ora stazionano nelle campagne viadanesi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

17 Febbraio 2021