il network

Lunedì 21 Settembre 2020

Altre notizie da questa sezione


CASALMAGGIORE

Motoscafo rubato nella notte, ennesimo colpo lungo il Po

E' stato Graziano Lanzetti, direttore di sede della Polisportiva Amici del Po, a fare questa mattina l'amara scoperta: "Purtroppo il Grande Fiume è davvero una terra di nessuno"

Motoscafo rubato nella notte, ennesimo colpo lungo il Po

CASALMAGGIORE (14 settembre 2020) - Non accenna a placarsi la serie di furti di motori ai danni delle imbarcazioni ormeggiate lungo il Po. Dopo il colpo avvenuto nella notte tra il 30 e il 31 luglio ai danni di Tiziano Coppi, che si era visto sottrarre nottetempo, alla Canottieri Eridanea, il motoscafo, poi ritrovato, con il suo motore, invece sparito, questa mattina è stata la volta di Graziano Lanzetti, direttore di sede della Polisportiva Amici del Po, fare l'amara scoperta. “Purtroppo è sparito il mio motoscafo, della lunghezza di sette metri, con il motore Mercury da 150 cavalli – racconta Lanzetti -. Era assicurato al pontile degli Amici del Po tramite un anello d'acciaio e un grosso lucchetto. Sono arrivati stanotte, sicuramente con una barca, e con un flessibile hanno tagliato l'anello. Poi si sono allontanati per recuperare il motore e alla fine hanno abbandonato lo scafo alla corrente. L'imbarcazione è stata recuperata dai miei ex colleghi dell'Aipo (Agenzia Interregionale per il fiume Po, nda)di Boretto”. Ovviamente lo scafo è danneggiato. “Adesso credo che lo metterò in vendita – commenta Lanzetti -. Queste cose, sinceramente, ti fanno scappare la voglia di avere una barca sul Po”. Il motore “aveva 7-8 anni ed era assicurato. Nuovo costerà 12-13 mila euro. Purtroppo il Po è davvero una terra di nessuno. Quella gente, bande dell'est Europa che imperversano sul fiume, è interessata solo ai motori che portano e vendono all'estero”.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

14 Settembre 2020