il network

Domenica 20 Settembre 2020

Altre notizie da questa sezione


CAMPIONE DI SOLIDARIETA'

Chris, rugbista dal cuore d’oro

L’ex Arix Viadana Du Plessis sta effettuando una camminata di 400 km per raccogliere fondi per Amurt Italia. «Colpito dal progetto dei pozzi d’acqua nel Burkina Faso, voglio contribuire all’impresa dell’amico De Cillis»

Chris, rugbista dal cuore d’oro

Cosimo De Cillis

VIADANA (6 agosto 2020) - «Ciao a tutti sono Chris Du Plessis e vengo dal Sud Africa, sono arrivato in Italia nel 2007 per giocare a rugby e ho abitato in un paesino di nome Viadana. Proprio qui, in questo comune in provincia di Mantova, ho avuto il piacere di incontrare Amurt Italia, un’associazione internazionale di volontariato che opera in 34 paesi offrendo aiuti umanitari».

Il campione di rugby — terza linea — che ha militato nell’Arix ha appena terminato la carriera agonistica nelle fila del Biella ma dentro è rimasto un campione di umanità e, proprio ispirato dall’altruismo, ha deciso di percorrere 415.42 chilometri a piedi per raccogliere fondi a favore dell’associazione presieduta da Cosimo De Cillis. È partito lunedì scorso e la sua impresa — partita proprio da Biella, dove risiede e dove è previsto anche l’arrivo — è in pieno svolgimento. «La cosa che mi ha colpito di più — spiega il rugbista — è stato vedere come un’associazione così grande fosse così vera e diretta. Ho conosciuto Cosimo (De Cillis, ndr), un caro amico che mi ha conquistato con i suoi racconti di viaggio in Africa, ogni volta rimanevo senza parole e, proprio in quei momenti, ho sentito così vicina la mia terra. In questo contesto è nata l’idea di fare una camminata di 400 chilometri per il sociale, per sensibilizzare le persone e per raccogliere fondi per una buona causa».

In particolare, Du Plessis è stato colpito dal progetto idrico attivo in Burkina Faso, nella regione del Sahel, dove in seguito a un’ondata di terribile siccità più di 70 mila persone non hanno acqua potabile. «Per questo i bambini non possono andare a scuola in quanto è loro compito procurarla, le donne non possono dedicarsi alle faccende domestiche, è impossibile coltivare qualsiasi ortaggio e allevare animali. Amurt all’inizio del 2020 ha iniziato una raccolta fondi per finanziare la realizzazione di 10 pozzi e ora grazie a questa iniziativa vorrei dare continuità e permettere a tante altre persone di usufruire di acqua potabile».
«Chris è una grande persona — spiega De Cillis, tornato pochi mesi fa dal continente africano dove ha seguito i lavori dei pozzi d’acqua — con cui ho avuto modo di stringere un’amicizia vera che si è trasformata in un impegno a favore degli altri. Il suo gesto è molto importante per il valore simbolico ma anche concreto perché molti lo stanno seguendo nella sua camminata per le valli fra Piemonte e Lombardia e sicuramente contribuiranno. Lo ringrazio di cuore per il suo aiuto».
In effetti, c’è un grande interesse sull’impresa di Du Plessis che ogni giorno la documenta sulla sua pagina Facebook. Un viaggio della solidarietà che sta conquistando sempre più appassionati ammiratori. «Questa presa di coscienza mi ha fatto osservare più da vicino l’operato di Amurt Italia e concretizzare i miei intenti: volevo fare qualcosa di reale, un gesto che potesse fare la differenza!».

Per saperne di più e contribuire alla raccolta di fondi basta visitare il sito www.amurt.it nella sezione Progetti oppure è possibile anche fare una donazione direttamente sul conto intestato ad Amurt Italia (Iban IT05I0623058020000043467371).
I contenuti della campagna si trovano all’indirizzo https://www.gofundme.com/f/7xuvq-goccia-a-goccia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI FOTO E VIDEO

06 Agosto 2020