il network

Venerdì 07 Agosto 2020

Altre notizie da questa sezione


LINEA FERROVIARIA

Comitato TrenoPonteTangenziale, diffida a Trenord

"Sulla linea Brescia-Parma non sono state ripristinate le corse effettuate prima della pandemia"

Comitato TrenoPonteTangenziale, diffida a Trenord

La stazione di Piadena

CASALMAGGIORE (4 luglio 2020) - Il Comitato TrenoPonteTangenziale, rappresentato dal presidente avvocato Paolo Antonini, ha inviato una diffida a Trenord invitando la società al rispetto del programma di esercizio e al conseguente ripristino del servizio sulla linea Brescia-Piadena-Parma. Il documento è stato inviato anche alla Regione, alle prefetture di Brescia, Cremona, Mantova, Parma e al ministro delle Infrastrutture Paola De Micheli e, per conoscenza, ai sindaci di Casalmaggiore, Brescia, Parma, Piadena Drizzona, San Giovanni in Croce, Colorno, Torrile e alla Regione Emilia Romagna.

“A causa delle limitazioni alla mobilità delle persone introdotte per contrastare la pandemia di Covid 19, Trenord ha, comprensibilmente, ridotto le corse sulle linee dalla stessa servite ed, in particolare, sulla Brescia-Piadena-Parma – esordisce il Comitato - con l’inizio della cosiddetta “fase 2” e, successivamente, della “fase 3”, che ha determinato la ripresa delle attività economiche e lavorative e, più in generale, l’eliminazione delle precedenti restrizioni alla mobilità, Trenord ha, correttamente, provveduto a ripristinare le corse su gran parte delle proprie linee”. Sulla linea Brescia-Parma “non si è, tuttavia, verificato quanto indicato al punto precedente; in particolare, su tale linea, non sono state ripristinate le corse effettuate prima della pandemia e previste nel Programma di esercizio, che costituisce l’allegato 2 al Contratto di Servizio sottoscritto tra il gestore e Regione Lombardia”.

Nello specifico, non sono state ripristinate le corse:

- n. 20305 (partenza da Brescia ore 6.50, arrivo a Parma ore 8.48);

- n. 20334 (partenza da Parma ore 18.49, arrivo a Piadena ore 19.35);

- tutte le corse in partenza da Parma nella fascia pomeridiana 17-18;

- corsa in partenza da Parma alle ore 19.13.

Nella diffida si evidenzia come, tra le corse non reintrodotte, ve ne siano ben due (n. 20305 - partenza da Brescia ore 6.50, arrivo a Parma ore 8.48; n. 20334 - partenza da Parma ore 18.49, arrivo a Piadena ore 19.35) che rientrano nella lista dei treni che vengono garantiti in caso di sciopero (trattandosi di corse collocate negli orari di massimo utilizzo dei mezzi pubblici).

Si sottolinea inoltre come, “con la ripresa delle lezioni scolastiche e universitarie a partire dal mese di settembre, il mancato ripristino delle corse, soprattutto nelle ore di punta, lederebbe gravemente il diritto degli studenti di usufruire di un pubblico servizio al fine di presenziare alle lezioni”.

In caso di mancata risposta e di adempimento alle richiesta di cui sopra, il Comitato afferma che “provvederà ad intraprendere le più idonee iniziative, anche di natura giudiziale, per la tutela degli utilizzatori della linea ferroviaria in questione e più, in generale, degli abitanti dei paesi serviti dalla linea stessa”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

04 Luglio 2020