il network

Lunedì 13 Luglio 2020

Altre notizie da questa sezione


CORONAVIRUS. LA RIPARTENZA

Ecco le multe del lockdown. Si paga, ma non è più reato

Sono in arrivo in questi giorni i verbali per le infrazioni al divieto di allontanarsi a più di 200 metri da casa. Una viadanese era stata sorpresa a passeggio con il cane. «Per fortuna ora è soltanto una sanzione»

Ecco le multe del lockdown. Si paga ma non è più reato

VIADANA (26 giugno 2020) - Sono in arrivo in questi giorni nelle case di tanti cittadini le decine se non centinaia di multe comminate dalle forze dell’ordine nel periodo più difficile del lockdown, quei mesi di marzo, aprile e parzialmente di maggio quando le misure per contrastare il diffondersi del contagio. Come si ricorderà, fra i vari divieti era proibito allontanarsi a piedi a una distanza di oltre 200 metri dalla propria abitazione, anche solo per portare a passeggio il proprio cane pressato dai «bisognini» corporei. Le norme erano talmente restrittive che prevedevano addirittura una denuncia all’autorità giudiziaria, configurandosi i comportamenti contrari come veri e propri reati.
Una donna di Viadana era stata sorpresa lo scorso 21 marzo da una pattuglia dei carabinieri con il proprio animale domestico a qualche decina di metri oltre i 200 consentiti dalla legge ed era stata identificata dai militari per consentire poi di formalizzare la denuncia nei suoi confronti. Una prospettiva non certamente rosea anche perché quella che solitamente è un’attività normale come portare il cane a fare la pipì, in quelle settimane era divenuta una sorta di trasgressione di una gravità tale da configurarsi addirittura come un pericolo per la salute pubblica. Una denuncia rimediata in tal modo proprio non era il massimo della vita in un periodo di serio disagio a causa del lockdown.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

26 Giugno 2020