il network

Domenica 07 Giugno 2020

Altre notizie da questa sezione


EMERGENZA SANITARIA

Covid, Fase 2: a Motta Baluffi riapre oggi l'Acquario del Po

"Ogni sabato - spiega Vitaliano Daolio, che gestisce la struttura con la moglie Roberta Panizza - sarà aperto dalle 15 alle 19. La domenica e i festivi dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19. Durante la settimana, nei giorni feriali, apriremo solo su prenotazione da parte di gruppi"

Covid, Fase 2: a Motta Baluffi riapre oggi l'Acquario del Po

MOTTA BALUFFI (23 maggio 2020) - Oggi alle 15 riapre i battenti l’Acquario del Po di Motta Baluffi. “Ogni sabato - spiega Vitaliano Daolio, che gestisce la struttura con la moglie Roberta Panizza - sarà aperto dalle 15 alle 19. La domenica e i festivi saremo aperti dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19. Durante la settimana, nei giorni feriali, apriremo solo su prenotazione da parte di gruppi”. Ci saranno ovviamente alcune regole da rispettare: “Al massimo potranno entrare sei persone alla volta e dovranno indossare le mascherine. Noi metteremo a disposizione dei dispenser con il gel disinfettante. I locali sono stati sanificati”. Lungo la strada di accesso, in un tratto, c’è un senso unico alternato disciplinato con dei cartelli in seguito ad alcune sconnessioni.

L’Acquario avrebbe dovuto riaprire lo scorso 29 marzo, ma l’appuntamento era stato rimandato a causa dell’emergenza sanitaria. Lo scorso 28 febbraio era venuto in visita il senatore Danilo Toninelli, ex ministro delle Infrastrutture, insieme a Marco Degli Angeli, consigliere della Regione Lombardia, entrambi esponenti del Movimento 5 Stelle.  I due politici avevano risposto all’appello lanciato dall’amministrazione comunale che sta cercando risorse e idee per progettare un futuro stabile alla struttura del Ronchetto. I due ospiti erano stati accolti da Daolio e dalla moglie, oltre che dal sindaco di Motta Matteo Carrara, dal vicesindaco Antonietta Premoli e dall’assessore Michele Vicari.

L’amministrazione comunale ha avviato una serie di contatti per cercare anzitutto di rendere autonomo dal punto di vista energetico l’Acquario con un impianto fotovoltaico. Poi servirebbe anche un potabilizzatore vista la presenza di arsenico in falda che consentirebbe l’apertura di un bed & breakfast e c’è anche l’idea di creare in loco un incubatoio per ripopolare le acque con pesci semi scomparsi. In precedenza, il 31 gennaio, era venuto a visitare l’Acquario del Po Simone Bossi della Lega, autore delle «Norme generali per la protezione e la conservazione della fauna ittica nelle acque interne attraverso la determinazione di princìpi fondamentali riguardanti la gestione delle acque pubbliche del territorio nazionale ai fini della pesca e del turismo alieutico sportivo-ricreativo», accompagnato da Simone Agazzi, segretario della Lega del Casalasco. Da parte di tutti sostegno all’Acquario, che ora riprende le sue attività. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

23 Maggio 2020