il network

Sabato 22 Febbraio 2020

Altre notizie da questa sezione


CASALMAGGIORE

Solidarietà, ecco il muro della gentilezza

Daniela e Jessica: in vicolo Centauro uno spazio per appendere abiti per i bisognosi. Un’iniziativa di concreta solidarietà, ora siamo in attesa del via libera dal Comune

Solidarietà, il muro della gentilezza

CASALMAGGIORE (11 febbraio 2020) - Creare un «Muro della gentilezza» sotto la volta di vicolo Centauro, per mettere a disposizione di chiunque ne abbia bisogno indumenti che non si usano più. Questo l’obbiettivo che si sono date Daniela Bellini e Jessica Lazzarini per dare una mano a chi, soprattutto per pudore, non chiede aiuto a chi potrebbe darlo.
«Questa — spiega la Lazzarini — è una realtà già presente in diverse città, come Milano, Bologna, Siracusa e altre ancora. Consiste nel creare una parete su cui le persone possono lasciare abiti dismessi per chi ne ha bisogno. La nostra idea sarebbe di realizzare l’iniziativa in vicolo Centauro, anche perché Daniela è lì a due passi, con la tabaccheria Anversa, e può controllare, oltre che ritirare le cose alla sera per esporle di nuovo al mattino».
Quindi cappotti, sciarpe, cappelli, maglioni, abbigliamento in genere e forse anche calzature. Per prendere qualunque cosa esposta non sarà necessario chiedere. Chi vorrà arriverà e donerà, così come chi ha bisogno prenderà e se ne andrà. In modo discreto, senza bisogno di interpellare nessuno. «Vorremmo lasciare solo una indicazione scritta, cioè quella di non prendere uno, due o tre capi a testa, decideremo poi quanti. Un invito al senso della responsabilità, insomma».
Il bello del wall of kindness è che si aiuta chi ha bisogno abbattendo il muro della vergogna e della dignità. Chi normalmente non si metterebbe in fila alla Caritas, chi prova imbarazzo a mendicare, chi non vuole chiedere una mano, qui silenziosamente potrà farlo. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

11 Febbraio 2020