il network

Sabato 08 Agosto 2020

Altre notizie da questa sezione


RIVAROLO MANTOVANO. LA STORIA

Il Lambrusco che sbaraglia gli emiliani

Il Rodomonte 58 della cantina Bresciani trionfa nel concorso. «Grandi sacrifici per tenere viva una tradizione del territorio avviata da mio padre»

Il Lambrusco che sbaraglia gli emiliani

Enrico Bresciani al lavoro in una delle vigne di Rivarolo Mantovano

RIVAROLO MANTOVANO (8 gennaio 2020) - Possono nascere grandi cose quando la passione per il lavoro, portato avanti senza guardare la lancette dell’orologio, si coniuga all’amore per il proprio territorio. È il caso della Vitivinicola Bresciani, azienda di Rivarolo Mantovano, vera pioniera del Lambrusco. Con il suo Rodomonte 58 Bresciani, semisecco frizzante del 2018, ha conquistato la medaglia d’oro con un importante diploma di merito alla decima edizione del concorso enologico «Matilde di Canossa — Terre di Lambrusco», per i «Lambrusco Awards 2019», in quel di Reggio Emilia. Non è la prima volta che ciò accade. «Abbiamo creduto fortemente in questo prodotto — commenta con soddisfazione Enrico Bresciani, patron dell’azienda —, e anche se c’è ogni giorno da lottare per portare avanti l’attività, le soddisfazioni arrivano». È dal 1987 che la Bresciani porta avanti questo progetto all’insegna della qualità, che è stata pienamente riconosciuta: «Grandi sacrifici per tenere viva una tradizione del territorio avviata da mio padre».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

07 Gennaio 2020