il network

Sabato 08 Agosto 2020

Altre notizie da questa sezione


CASALMAGGIORE

«L'Avis fatica a ringiovanire»

Il presidente Assandri: soddisfatti però della ammirevole fedeltà dei donatori della nostra sezione. I volontari sfiorano quota 1200 per 2784 sacche fra sangue e plasma raggiunte nell’anno appena chiuso

«L'Avis fatica a  ringiovanire»

Donatori di Casalmaggiore

CASALMAGGIORE (7 gennaio 2020) - «La sezione fa sempre più fatica a ringiovanire e a mantenere un numero di donatori superiore alle 1200 unità», dice il presidente della sezione Avis di Casalmaggiore, Stefano Assandri, ma il bilancio del 2019 resta comunque positivo. «L’Avis di Casalmaggiore — dice il presidente — ringrazia tutti i donatori e donatrici nonché i collaboratori per l’impegno mostrato e l’attaccamento alla sezione durante l’anno 2019, si ringrazia pure tutta la popolazione per la vicinanza mostrata nei confronti della sezione con contributi ed aiuti morali. È anche grazie a questa fattiva vicinanza che la nostra associazione ha costantemente progredito ed è riuscita a raggiungere grandi traguardi, questa vicinanza ci fa capire che stiamo agendo nella giusta direzione per il bene unico del prossimo e ci dà forza e vigore per continuare, sulla strada intrapresa». Il 2019 per l’Avis di Casalmaggiore è stato «un anno di conferme della fedeltà dei donatori, che si sono prodigati tra sede ed ospedale Oglio Po raggiungendo il brillante traguardo delle 2784 donazioni tra sangue intero e plasma. I donatori in forza alla nostra sezione sono al 31 dicembre dello scorso anno 1198, di cui 101 con età compresa tra 18/25 anni e 192 tra i 26/35 anni. Le dimissioni nel corso dell’anno, per varie cause, come età e altro, sono state 74, mentre i nuovi ammessi sono stati 55. Come si vede vi è stato un leggero calo del totale dei donatori pur avendo avuto una buona risposta nei nuovi iscritti nelle due fasce di età 18/25 e 26/35».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

06 Gennaio 2020