il network

Domenica 15 Dicembre 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


SAN GIOVANNI IN CROCE

Dipendenti in fuga, allarme rosso alla Padana Soccorso

Ritardo nel pagamento degli stipendi, i sindacati cercano l’accordo con la direzione per un piano di rientro. «Fondamentale il supporto di tutto il territorio per consentire di continuare il prezioso servizio prestato»

Dipendenti in fuga, allarme rosso alla Padana Soccorso

SAN GIOVANNI IN CROCE (1 dicembre 2019) - «È un momento difficile per la Padana Soccorso ma siamo fiduciosi che la situazione venga risolta per il meglio: è ora che il territorio aiuti questa associazione di volontariato che tanto ha fatto e sta facendo in termini di servizi di emergenza urgenza e non solo». È quanto dicono i sindacalisti Fulvio Corbari (Uil) e Roberto Dusi (Cisl) in merito alla difficile situazione economica della Pubblica Assistenza Padana Soccorso di San Giovanni in Croce, nata nel 1995 e che ha le postazioni del servizio di emergenza urgenza a San Giovanni (sede principale) e Casalmaggiore (distaccamento). Negli ultimi tempi diversi dipendenti hanno lasciato l’associazione spaventati dai ritardi nell’erogazione degli stipendi. «I sindacati sono intervenuti per salvare l’associazione, tutelare i dipendenti e così permettere a Padana Soccorso di continuare a erogare i servizi che sono sempre stati garantiti. Assieme al consiglio direttivo e alla presidente Claudia Taddei, è stato redatto un piano di rientro che sta per essere perfezionato, per consentire ai dipendenti di ricevere gli arretrati che spettano loro. Fondamentale il supporto di tutto il territorio per consentire di continuare il prezioso servizio prestato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

30 Novembre 2019

Commenti all'articolo

  • They

    2019/12/02 - 05:45

    Forse non si è capito ma è tornato a governare il pd quindi i soldi servono per azioni "buoniste" a favore di immigrati, delinquenti e banche!

    Rispondi