il network

Domenica 15 Dicembre 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


VIADANA VERSO IL VOTO

Elezioni 2020, Toninelli ed Evi alla MoviFest del M5S a Buzzoletto

Elezioni 2020, Toninelli ed Evi alla MoviFest del M5S a Buzzoletto

VIADANA (17 novembre 2019) - Centoquaranta persone hanno partecipato oggi alla MoviFest organizzata dal Movimento 5 Stelle Viadana alla Palm W&P di Buzzoletto, prima occasione per l’inizio di un percorso civico in merito alla costruzione del ‘Programma dei Cittadini Viadana 2020-2025’. Presenti l’ex ministro alle Infrastrutture Danilo Toninelli e la parlamentare europea Eleonora Evi, mentre il vice ministro degli Interni Vito Crimi non è potuto intervenire perché impegnato a Roma in vista del voto su alcuni emendamenti. 

CRIMI. Crimi ha inviato un video nel quale ha illustrato il suo impegno sul tema della sicurezza e dei rimpatri. Il vice ministro ha anche detto di aver ben chiara la vicenda della caserma dei vigili del fuoco di Viadana, che sta analizzando insieme al consigliere regionale lombardo Andrea Fiasconaro e al consigliere comunale Alessandro Teveri. Massima attenzione al tema è stata espressa dal vice ministro, che ha promesso di tornare a Viadana a parlare con il comandante dei vigili del fuoco.

TONINELLI. Toninelli ha parlato delle prossime elezioni regionali in Emilia Romagna affermando come a suo avviso il Movimento 5 Stelle, ancora in forse se presentarsi o meno, debba assolutamente partecipare alla competizione elettorale, per poter portare la voce dei cittadini nelle istituzioni. L’ex ministro ha rivendicato il lavoro da lui svolto al Governo per sbloccare i fondi della ristrutturazione del ponte sul Po tra Casalmaggiore e Colorno e per tenere monitorati i tempi dei lavori, in modo che fossero rispettati. Ha anche ricordato di aver presentato una bozza di progetto per il futuro nuovo ponte delineando quanto necessario per finanziare l’infrastruttura. Ha poi riconosciuto il ruolo del gruppo viadanese del M5S, sempre molto attivo.

EVI. La Evi ha fatto un excursus sulle attività del Parlamento Europeo e sulla posizione dei Cinque Stelle, che al momento non hanno ancora trovato un gruppo in cui entrare, anche se quello con più affinità è quello dei Verdi. Si sta cercando di trovare la quadra per una collaborazione. La Evi ha parlato anche dello strumento delle petizioni europee, spesso sconosciuto dai cittadini, per presentare proposte, richieste, denunce, segnalazioni al Parlamento Europeo. Non a caso il Movimento 5 Stelle ha organizzato un Petizione Tour per far conoscere questa possibilità di partecipazione.

La MoviFest è iniziata con la conferenza di Alessandro Cacciato (esperto in rigenerazione urbana e innovazione) e Barbara Floridia (referente E-learning Open Rousseau Accademy) sul tema del metodo Canvas per facilitare la partecipazione popolare. A seguire il pranzo di autofinanziamento pensato sull’incontro fra la cucina tradizionale e quella vegana.

LE ELEZIONI 2020. A margine dell’incontro, Stefano Capaldo ha commentato: “Quello di oggi è stato il primo passo verso le amministrative 2020 di Viadana. Noi siamo molto determinati a presentarci con il nostro simbolo del Movimento 5 Stelle, con una nostra lista. Stiamo cercando di coinvolgere le migliori energie del territorio e siamo interessati e coinvolti nel confronto con associazioni, comitati, persone legate ai temi dell’ambiente, della salute pubblica, e naturalmente della lotta antimafia. Veniamo da vent’anni di un centrosinistra che ha cementificato Viadana e non è stato all’altezza della situazione, anche nell’affrontare il problema delle infiltrazioni malavitose presenti nel nostro territorio, soprattutto della ’ndrangheta. Se con l’ex sindaco Giovanni Cavatorta un dialogo era stato iniziato, con l’attuale amministrazione è impossibile, vista anche la china di litigiosità presa. E poi c’è il Palazzetto, emblema del fallimento politico dell’attuale giunta. E’ chiaro, va ribadito, che non si giudicano le persone, ma la loro azione politico-amministrativa". A proposito di persone, chiediamo, avete già un nome per il candidato sindaco M5S? “In verità noi abbiamo già le idee molto chiare al proposito e pensiamo che il candidato debba arrivare dall’associazionismo civico. Dirlo ora è prematuro, anche perché c’è ancora spazio per il confronto con altre realtà e potrebbero emergere altre candidature. Di certo c’è che i nostri consiglieri non si ripresenteranno”.

17 Novembre 2019