il network

Venerdì 15 Novembre 2019

Altre notizie da questa sezione


PIADENA DRIZZONA

Fikru, pane e acqua nelle strade di Addis Abeba

Il giovane di origini etiopi del Vho di Piadena illustra il progetto solidale appena concluso e annuncia un’altra iniziativa: «Ora sostegno alle mamme con bimbi che vivono in strada»

Fikru, pane e acqua nelle strade di Addis Abeba

PIADENA DRIZZONA (3 novembre 2019) - «L’esperienza del progetto ‘Almaz 2019 Pane e Acqua Lungo le strade Di Addis Abeba’ si è conclusa in maniera più che positiva grazie alle tante persone che si sono rese disponibili e al loro contributo che ha permesso di promuovere l’iniziativa; tra queste, una donna coraggiosa e generosa di nome Tarikua che mi ha accompagnato in questo percorso e che si è messa in prima linea a lottare insieme a me». È soddisfatto Fikru Rech, il 22enne etiope del Vho di Piadena che ha deciso di aiutare i bimbi di strada attivando una iniziativa di solidarietà. Domenica 24 novembre alle 16, con la collaborazione della Cooperativa La Famiglia, racconterà il progetto e annuncerà nuove iniziative.

«Grazie ai miei amici che hanno partecipato come volontari - dice Rech - e un grazie anche alla mia madre adottiva e alla signora Rosaria (di Piadena) che ci hanno affiancato ed aiutato. ‘Almaz2019 Pane e Acqua Lungo le strade di Addis Abeba’ aveva ottenuto come sostegno economico durante i due giorni di iniziative del dicembre scorso 3 mila euro circa. Queste cifre mi hanno permesso di fare di più, tenendo d’occhio il budget, quindi mi è stato possibile offrire in più il servizio doccia, taglio dei capelli e distribuzione di vestiti». Ma Fikru ha anche potuto offrire piccoli aiuti economici ad alcune famiglie che vivevano sulla strada. «Nonostante tutto in un mese abbiamo aiutato decine, centinaia di ragazzi/e, adulti di strada, sono avanzati 1000 euro che ho accantonato in un conto corrente ad Addis Abeba per realizzare un nuovo progetto». Il nuovo progetto si chiamerà Yeneabeba (mio fiore): «Lo scopo sarà aiutare le mamme con bambini che vivono sulla strada, portarli a vivere in una casa e integrali nella società».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

03 Novembre 2019