il network

Lunedì 14 Ottobre 2019

Altre notizie da questa sezione


SAN GIOVANNI IN CROCE-CASALMAGGIORE

Cura del tumore mammario: «All'Oglio Po diagnosi più precisa»

Parte la raccolta di fondi per dotare l’ospedale di uno strumento diagnostico di eccellenza. Generali: a Cremona e Vicomoscano la certificazione Eusoma, unici presidi pubblici lombardi a possederla

Cura del tumore mammario, «Oglio Po non deve essere secondo a nessuno»

Generali, Canino, Bongiovanni

SAN GIOVANNI IN CROCE-CASALMAGGIORE (13 ottobre 2019) - Parte da Villa Medici del Vascello e in particolare dal gruppo Sostenitori Centro Tumori di San Giovanni in Croce la raccolta di fondi necessaria «per portare all’ospedale Oglio Po di Casalmaggiore un nuovo device (strumento, ndr) di ultima generazione per effettuare una diagnosi più precisa del tumore al seno», come ha spiegato venerdì sera Daniele Generali, responsabile medico della Unità operativa multidisciplinare di Patologia Mammaria e Ricerca Traslazionale dell’Asst di Cremona, parte integrante di Area donna. Un luogo unico che — tra Cremona e Casalmaggiore — riunisce i servizi coinvolti nella prevenzione, diagnosi e cura della patologia mammaria e ginecologica, per garantire alle donne un approccio multidisciplinare e l’impiego di metodi riconosciuti a livello internazionale per la cura delle patologie femminili. Una eccellenza della sanità a livello nazionale, tanto che «Cremona-Oglio Po - ha detto Generali - ha ricevuto la importante certificazione Eusoma (European Society of Breast Cancer Specialists). Basti dire che in tutta Italia i centri di senologia certificati a livello europeo sono 19. In Lombardia Cremona-Oglio Po è l’unica struttura pubblica ad avere questo ‘bollino’».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

12 Ottobre 2019