il network

Lunedì 14 Ottobre 2019

Altre notizie da questa sezione


CASALMAGGIORE

Falsa assicurazione auto, denunciata una coppia di truffatori

La vittima, dopo aver stipulato un vantaggioso contratto online, si è resa conto dell'inganno in seguito a un controllo stradale

Falsa assicurazione auto, denunciata una coppia di truffatori

CASALMAGGIORE (5 ottobre 2019) - Una coppia truffatori, lui di 37 anni e la sua complice di 20 anni entrambi residenti in provincia di Caserta, è stata denunciata dai carabinieri della stazione di Casalmaggiore al termine di una meticolosa indagine per truffa in danno di un automobilista 66enne della zona.

La vittima, a fine novembre dell’anno scorso, aveva stipulato una polizza RCA sulla sua vettura tramite un’agenzia assicurativa reperita in internet, che si spacciava per fiduciaria delle Assicurazioni Helvetia. Il fantomatico rappresentante della filiale, con sede in provincia di Asti, si era dimostrato molto affabile e disponibile ad assecondare le esigenze della vittima, facendogli sottoscrivere un vantaggioso contratto assicurativo della durata di 30 giorni, rinnovabile di volta in volta. Tuttavia, l’inghippo è emerso non appena l’ignaro automobilista è incappato in un controllo su strada di una pattuglia che, accertata la mancanza della copertura assicurativa, gli ha contestato una contravvenzione salata.

All’automobilista, risultato del tutto in buona fede, non è rimasto altro da fare se non di presentare querela per truffa presso i carabinieri di Casalmaggiore. Tramite le indagini i militari dell’Arma sono risaliti alla coppia di truffatori, peraltro, non nuovi a fatti del genere, analizzando i contatti informatici e la tracciatura del pagamento, avvenuto mediante diversi accrediti su carte Postepay. La documentazione assicurativa, risultata completamente falsa, ma molto ben realizzata, appariva perfettamente coerente con quella normalmente rilasciata dalla compagnia assicurativa Helvetia, a sua volta parte lesa nella vicenda.

05 Ottobre 2019

Commenti all'articolo

  • renzo

    2019/10/05 - 22:10

    È un modo come un altro di avvicinare economicamente il sud al nord, peccato che sia illegale....comunque complimenti alla fantasia sudista ed alla creduloneria nordista

    Rispondi