il network

Domenica 22 Settembre 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


CASALMAGGIORE

Verde: tagli e polemiche, Comune al contrattacco

Ruberti: «Piante pericolanti, quando si amministra ci sono importanti responsabilità». Il sindaco: «Spese pesanti su parchi e giardini». La minoranza chiede piani e programmi

Verde: tagli e polemiche, Comune al contrattacco

CASALMAGGIORE (10 settembre 2019) - E così, dopo i pioppi cipressini al centro sportivo Baslenga e gli ailanthus accanto al torrione di via Vaghi, anche i due vecchi tigli in fregio alla rampa dell’argine, di fronte al comando della polizia locale di via Saffi, non ci sono più. Alberi che gli ultraottantenni ricordano già esistenti quand’erano bambini che però - come è risultato chiaro dopo il taglio da parte del Consorzio Forestale Padano, incaricato dall’ufficio comunale Ambiente - erano completamente marci alla base del tronco, ormai cavo e dunque a rischio di crollo specie in caso di bufere di vento. È fuori di dubbio che quell’abbattimento abbia tolto qualcosa alla vista e sui social, immancabili, sono fioccate nuove polemiche, ma dal Comune di replica che la sicurezza di cose e persone è prioritaria. «Prima che si inizi ad urlare per niente — scriveva ieri di buon mattino su Facebook il presidente del consiglio comunale Pierfrancesco Ruberti, postando l’immagine di un tronco cavo — questa è la condizione dei tigli davanti ai vigili. Ricordo che quando si amministra ci sono importanti responsabilità. A nessuno piace togliere piante. Si provvederà alla ri-piantumazione». Da Ruberti si apprende che però questo non avverrà nello stesso sito perché per legge non si possono mettere a dimora alberi a ridosso dell’argine. Parole che, a giudicare dal tono di altri post, non hanno convinto i pasdaran del verde, la cui tesi prevalente è: se anche le piante sono malate, è perché non sono state adeguatamente curate e non è stata fatta la giusta manutenzione. Il sindaco Filippo Bongiovanni si dice invece sereno: «Siamo al quinto posto nella classifica provinciale stilata da Openpolis sulla base della spesa pro capite messa a bilancio nel 2017 (41,1 euro) per la gestione di parchi e giardini. Abbiamo 12 parchi urbani, 200 mila metri quadri di aree verdi da gestire, oltre 5,2 chilometri di siepi verdi, 349 alberi da viale, 949 alberi di alto fusto oltre i 40 anni di età, più altri 600 circa più recenti. In golena gestiamo 260 mila esemplari tra piante e arbusti su un’estensione di 290 ettari. Nel territorio comunale vi sono 17 piante per ogni cittadino: certe polemiche, dunque, fanno un po’ sorridere».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

09 Settembre 2019