il network

Sabato 20 Luglio 2019

Altre notizie da questa sezione


CASALMAGGIORE. OSPEDALE OGLIO PO

Carenza di anestesisti, Borghesi torna in servizio

L’ex primario di nuovo in reparto dopo aver partecipato (unico candidato) al bando della Asst

Carenza di anestesisti, Borghesi torna in servizio

Luigi Borghesi e l'ospedale Oglio Po

CASALMAGGIORE (4 luglio 2019) - Tre anni dopo essere andato in pensione, Luigi Borghesi, già primario di Anestesia e rianimazione all’ospedale Oglio Po di Casalmaggiore, è tornato in servizio. «Sto dando una mano perché c’è carenza di anestesisti — conferma Borghesi —. Era uscito un bando con cui si chiedeva se qualcuno dei medici già in pensione fosse disponibile a lavorare ancora e io ho deciso di partecipare. Mi risulta di essere stato l’unico».
Di che cosa si occupa in particolare? «Anzitutto delle visite anestesiologiche di pre-ricovero. necessarie per mantenere l’attività chirurgica. In precedenza venivano effettuate solo le visite chirurgiche. In più è previsto che in qualche caso torni in sala operatoria».
Perché si è arrivati al punto di dover richiamare in servizio i medici già in quiescenza? «La carenza di anestesisti è una emergenza nazionale, frutto di una scarsa programmazione. Il numero di anestesisti rianimatori italiani è sempre più insufficiente a far fronte alle esigenze del servizio sanitario nazionale. Io ho deciso di aiutare l’ospedale perché ci tengo moltissimo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

03 Luglio 2019