il network

Domenica 16 Giugno 2019

Altre notizie da questa sezione

in corso:

Blog


CASALMAGGIORE. OSPEDALE OGLIO PO

Pronto soccorso: "La Regione smentisca le voci di ridimensionamento"

Presa netta di posizione dei consiglieri regionali del PD e del M5S

Pronto soccorso,:"La Regione smentisca le voci di ridimensionamento"

CASALMAGGIORE (24 maggio 2019) - I consiglieri regionali di Pd e M5S non ci stanno e chiedono conto alla Regione delle voci di ridimensionamento che interessano il pronto soccorso dell'Oglio Po.

"Le voci che si rincorrono sull'Oglio Po cominciano a essere troppe e il silenzio assordante dell'assessore Gallera non fa che aumentare la preoccupazione”. Esordiscono così i consiglieri regionali del PD Matteo Piloni e Antonella Forattini in merito alle ultime notizie che riguardano l'Oglio Po e, in particolare, ad un possibile ridimensionamento del pronto soccorso."Un anno fa, proprio in questi giorni - dicono i consiglieri dem - l’assessore Gallera smentiva la chiusura del punto nascite, cosa che poi è invece avvenuta. Nei mesi successivi, grazie anche al ‘pressing’ che abbiamo portato avanti insieme al territorio, è stato previsto uno stanziamento di 1 milione di euro per il potenziamento del presidio e dell'ambito casalasco-viadanese, attraverso una delibera, la DGR XI/795, che nei fatti non è ancora stata applicata”. “Dopo le preoccupazioni sulle difficoltà della ginecologia e sul ridimensionamento della chirurgia, alle quali Gallera non ha mai dato alcun tipo né di smentita né di rassicurazione, ora è la volta del Pronto Soccorso che, a seguito della delibera XI/1046 in merito alla razionalizzazione e al numero dei PS, potrebbe essere oggetto di ridimensionamento” spiegano riferendosi al fatto che il numero di accessi minimo è passato dai 20mila precedentemente previsti a 36mila, mentre l'Oglio Po ne fa circa 27mila.

Una questione che i due consiglieri porteranno quanto prima in Consiglio regionale, interpellando direttamente l’assessore Gallera per ottenere le risposte e i chiarimenti che la Regione non sta dando. "E' urgente che Gallera, nei giorni scorsi apparso nelle passerelle elettorali tra il viadanese e il cremonese, non solo smentisca queste voci, ma dia conto quanto prima dell'attuazione di quanto previsto per il potenziamento dell'Oglio Po. Per questo – concludono i consiglieri dem - porteremo la questione direttamente in Consiglio regionale, per sapere direttamente dall’assessore, come intenda intervenire, anche alla luce della nuova riorganizzazione, per implementare le attività di ricovero e di erogazione di prestazioni ambulatoriali del presidio ospedaliero, così da offrire le risposte ai bisogni della popolazione. Basta chiacchiere! Il territorio casalasco ha già dato e necessita di risposte per uscire dall'isolamento nel quale, Lega in testa, è stato trascinato”.

Anche il M5S Lombardia non sta alla finestra e affida a un comunicato la preoccupazione per il futuro del Pronto Soccorso: "Siamo molto preoccupati per l’ipotesi di chiusura notturna del pronto soccorso di Casalmaggiore. Non si ripeta un film già visto con il punto nascite che tra silenzi, reticenze e ambiguità alla fine è stato chiuso dal centro destra. Ho chiesto che l’Assessore Regionale alla Sanità e alla direzione strategica dell’ASST di Cremona che gestisce l’Ospedale di venire al più presto in Commissione a spiegare che cosa vuole davvero fare. L’accanimento di questa giunta regionale contro Casalmaggiore è inaccettabile: sembra che l’unica preoccupazione di Forza Italia e Lega in Lombardia sia quella di smantellare la sanità in Provincia di Cremona. Insieme ai cittadini, chiedo che la Lombardia scarti ogni ipotesi di chiusura e rafforzi l’offerta di servizi sanitari sul territorio. Un pronto soccorso aperto 24 ore su 24 nel Casalasco è necessario. L’ospedale più vicino è almeno a 40 minuti e tutti conosciamo  le problematiche di viabilità dell’area, soprattutto d’inverno con le nebbie”, così Marco Degli Angeli, consigliere regionale del M5S Lombardia.

24 Maggio 2019