il network

Sabato 30 Maggio 2020

Altre notizie da questa sezione


12 marzo 1953

Solo dopo sei giorni l'annuncio della morte di Stalin

Oltre il cadavere, imbalsamata la notizia

Solo dopo sei giorni l'annuncio della morte di Stalin

LONDRA, 11. — Nel numero odierno del londinese «Daily Sketch» il giornalista Sinclair sostiene che il maresciallo Stalin non è morto il 5 marzo ma il 28 febbraio e che l'annuncio è stato dato con cinque giorni di ritardo a causa della lotta che si svolgeva al Cremlino per il potere, «lo — egli dichiara — sono in grado di rilevare questi fatti dopo aver, per parecchi giorni, effettuato una stringente inchiesta».

Ecco come Sinclair racconta i fatti: «Il 28 febbraio — egli scrive — Stalin ebbe un attacco mentre lavorava nel suo ufficio e fu allora che venne trasportato nel suo appartamento sito al terzo piano del Cremlino e dove egli è morto».

«Praga — prosegue Sinclair — è stata la prima capitale straniera che abbia appreso il decesso di Stalin. Un corrispondente ceko telegrafò da Mosca la notizia al suo giornale domenica mattina 1° marzo dandole l'apparenza, grazie ad un cifrario convenuto, di un inoffensivo messaggio privato. La censura sovietica lasciò passare il telegramma. Ventiquattr'ore dopo Praga era a rumore. È stato forse questo telegramma — si chiede quindi Sinclair — ad obbligare i nuovi padroni del Cremlino a pubblicare i primi bollettini?».

Il giornalista prosegue elencando numerose misure che furono prese domenica dagli uomini di Stato sovietici e che possono spiegarsi soltanto con la morte di Stalin. Quindi aggiunge: «Notizie pervenute da Varsavia, Budapest e Praga confermano che in questi Paesi la polizia di sicurezza fu posta, in istato di allarme domenica, cioè prima dell'inizio ufficiale della malattia di Stalin».

11 Marzo 2020