il network

Domenica 16 Giugno 2019

Altre notizie da questa sezione

in corso:

Blog


24 maggio 1956

Sulle rive del Po la fiera di San Pietro

In corso i lavori per la sistemazione della zona scelta

Sulle rive del Po la fiera di San Pietro

Il viale (che sarà illuminato con archi e festoni) ospiterà sulla sinistra le bancarelle. I padiglioni saranno impiantati su una vasta area prospiciente la via che conduce al porto.

La grande fontana che inquadra in una suggestiva visione la piazza di Porta Po, ha posto fine per sempre alle polemiche da noi suscitate circa l'ubicazione della Fiera di San Pietro, la più antica e tradizionale fiera della città.

Quest'anno non avremo dunque più la folla stipata por il corso Vittorio Emanuele; non ci sarà più nessun pericoloso passaggio di autovetture tra gli spettatori storditi dalle musiche delle «giostre» o incantati nelle esibizioni delle «divette» agli ingressi dei baracconi delle «sorprese».

Bancarelle di libri o di tappeti, di oggetti di plastica o di bibite, tirasegni e «muri della morte», cavalli di legno e piccole automobili, venditori ambulanti e suonatori girovaghi, tutto il pittoresco e vario mondo della fiera sarà da quest'anno spostato verso il Po, verso la zona più indicata e propria e che sarà certamente, nel giro di un quinquennio, la sede più ricercata da tutti i cremonesi.

In questi giorni sono iniziati i lavori per la sistemazione della vasta zona su cui sorgerà la fiera. Con un po' di fantasia già si possono scorgere le grandi linee della tradizionale manifestazione che nulla avrà da invidiare al passato: lungo il vialetto laterale sinistro del Viale Po saranno disposte le file di bancarelle, in una lunghissima teoria; teloni variopinti, banchi lunghi e banchi stretti, tendaggi a cupola o spioventi, sarà certo, tra i grandi platani, uno spettacolo inconsueto. L'ombra favorirà i visitatori e gli ambulanti: lo spazio del percorso darà modo a tutti di poter camminare senza pericolo di finire sotto una macchina.

In fondo al viale, sempre sulla sinistra, si aprirà invece la zona del «parco dei divertimenti»; un piccolo piazzale è stato in questi giorni realizzato pianificando tutta l'area che esisteva all'incrocio di Via C. Lazzi con il Viale, dietro all'osteria: qui sorgerà un parcheggio di auto e biciclette.

La Fiera bisogna immaginarla di sera. Il Viale Po sarà tutto illuminato da grandi archi di lampadine multicolori; in fondo al viale, prima della barriera daziaria, altre arcate luminose faranno come da anticamera agli impianti luminosi dell'ingresso vero e proprio della Fiera che si presenterà ricca di colori e di suoni tra i boschi, in una zona ideale per le passeggiate notturne, in un luogo dove finalmente tutti potranno gustare una vera fiera pittoresca, proprio come l'avevano sognata i nostri nonni.

22 Maggio 2019