il network

Venerdì 15 Novembre 2019

Altre notizie da questa sezione


12 marzo 1985

Mikhail Gorbaciov alla guida dell'Urss dopo la morte di Konstantin Ustinovic Cernienko

Mikhail Gorbaciov alla guida dell'Urss dopo la morte di Konstantin Ustinovic Cernienko

(...) Ma chi è veramente Mikhail Gorbaciov, 54 anni, il nuovo segretario del Partito Comunista Sovietico? Sicuramente un fine dicitore, un uomo senza grossi interessi letterari o culturali, ma anche un abile diplomatico. E, nello stesso tempo, una persona modesta, senza particolari ambizioni. Ne dette prove convincenti quando il suo conterraneo e protettore Andropov lo spingeva avanti, lo incitava a fare una rapida e brillante carriera.

Eppure, in pochi anni, «Misha» — così veniva chiamato quando era responsabile cittadino e provinciale del Komsomol (lega della gioventù, comunista) di Stravropol — è diventato il più giovane membro del Politburo e della segreteria del partito e un grosso esperto di problemi agricoli. L'esperienza in materia se l'è fatta — dopo una laurea in legge all'Università di Mosca e una in agricoltura (per corrispondenza) — con la pratica, visitando le zone agricole, parlando con i coltivatori, scrivendo rapporti e compilando statistiche.

Il settimo leader del PCUS è nato nel 1931 a Privolnoje, un villaggio della Russia meridionale a ridosso del Caucaso, da una famiglia di contadini. È entratoa 21 anni nel partito, occupandosi appunto di agricoltura nella provincia di Stravropol, importante zona agraria, la sua stuella è cominciata a brillare nel firmamento sovietico nel 1980, quando Andropov gli dette l'incarico di mettere ordine nelle strutture regionali e distrettuali del partito. E già nell'83 il «Newsweek» lo considerava un probabile successore del suo conterraneo. E — stando ai si dice — quando al «palazzo» ci fu il conclave per eleggere il successore di Andropov il ministro della Difesa Ustinov fece il suo nome. Ma Gorbaciov si alzò, ringraziò e rifiutò l'incarico. Disse, modestamente di essere troppo giovane e inesperto per un posto di tanta responsabilità. Cosi fu eletto Cernienko, ma «Misha» se ne assicurò l'appoggio per la propria politica economica.

Nel 1978 Brezhnev lo chiamò a Mosca e Gorbaciov fu eletto membro della segreteria centrale del partito, come responsabile per l'agricoltura. Successivamente lo stesso Brezhnev gli conferì anche il titolo di membro del Politburo.

Con l'ascesa al potere di Andropov, suo conterraneo, Gorbaciov allargò le sue competenze dall'agricoltura a tutta l'economia. Nell'autunno scorso, per un breve periodo, si parlò con insistenza di una sua «caduta», in seguito alla sua assenza da alcune importanti riunioni dedicate alla situazione economica del Paese. Le illazioni rientrarono però subito dopo, quando all'inizio di dicembre Gorbaciov aprì la conferenza ideologica, confermandosi così definitivamente assestato nella posizione di ideologo ufficiale del partito, una qualifica che, anche se non esiste sulla carta, equivale a quella di «numero due», subito dopo il segretario generale.

11 Marzo 2019