il network

Giovedì 24 Settembre 2020

Altre notizie da questa sezione


IL PROGETTO

«Credo nella vostra Italia»

Dalla Pennsylvania a Sabbioneta per realizzare un resort di accoglienza per visitatori d’Oltreoceano . L’imprenditrice Jo Wiehler: nonostante le attuali difficoltà vedo intatte le potenzialità per il business

«Credo nella vostra Italia»

Jo Weihler

SABBIONETA (10 marzo 2020) - «Nonostante l’attuale crisi dovuta all’epidemia continuo fortemente a credere in questo Paese e in Sabbioneta che considero un’autentica perla». È un messaggio di grande fiducia e speranza quello che giunge, inatteso, da una cittadina americana che qualche tempo fa ha deciso di investire la propria vita e le proprie risorse nella creazione di un resort che possa accogliere clienti soprattutto d’Oltreoceano per un soggiorno di relax ma anche di full immersion in una realtà che profuma di storia e cultura. «Ricordo esattamente il giorno e il momento in cui per la prima volta venni a conoscenza di Sabbioneta: era il 14 ottobre del 2018 e da allora è scoppiato l’amore per questa città e per quell’edificio accanto alla sinagoga che voglio diventi una struttura ricettiva davvero speciale». Jo Weihler ha gli occhi che brillano quando parla del suo progetto di ristrutturare l’imponente ala del palazzo che faceva parte del complesso della sinagoga di via Campi.

Potere di internet: il mondo si è davvero rimpicciolito e le ha consentito di vedere dalla sua Pennsylvania l’annuncio di vendita sul web. «Ho subito chiamato i proprietari senza pensare che in Italia si era nel cuore della notte — spiega Jo — e in qualche modo ho spiegato loro che volevo acquistare quell’immobile. Sono rimasti molto sorpresi della mia iniziativa ma dopo qualche mese ero già lì a Sabbioneta a visitare l’edificio. Dalle ragnatele ho capito che era vuoto da molto tempo ma ne ho subito colto il valore. Una bellezza antichissima che nemmeno il tempo era riuscito a offuscare. Del resto, c’è il detto The beauty is in the ruin (la bellezza è nelle rovine, ndr) e qui si può vedere concretamente. Allo stesso tempo, ho compreso di trovarmi in un luogo magico, una delle capitali dell’Unesco che nel mondo è quasi totalmente sconosciuta. Aggirandomi per le stradine e le piazze e ammirando i tesori d’arte mi sono sentita subito a casa. E ho visto chiaramente anche la possibilità di organizzare un grande business legato all’accoglienza di miei connazionali in cerca di un periodo di stacco dalla loro frenetica vita lavorativa». Il nome è già stato scelto, «La Belle Sabbioneta», dove Jo potrà esercitare al meglio il suo ruolo, fra l’altro, di life coach, ovvero di sostegno per affrontare le sfide quotidiane.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

10 Marzo 2020