il network

Mercoledì 02 Dicembre 2020

Altre notizie da questa sezione


CORONAVIRUS

Conte, sia Natale sobrio senza feste o curva si impenna

Niente veglioni e abbracci ma possiamo scambiarci doni. Né governo né scienziati hanno ora la palla di vetro

Conte, sia Natale sobrio senza feste o curva si impenna

ROMA (19 novembre 2020) - «A Natale dobbiamo già predisporci a passare le festività in modo più sobrio: veglioni, festeggiamenti, baci e abbracci non è possibile. Al di là delle valutazioni scientifiche occorre buonsenso. Una settimana di socialità scatenata significherebbe pagare a gennaio un innalzamento brusco della curva, in termini di decessi, stress sulle terapie intensive. Non ce lo possiamo permettere. Dobbiamo prepararci a un Natale più sobrio, anche se pensiamo ci si possa scambiare doni e permettere all’economia» di crescere. Lo dice il premier Giuseppe Conte nel suo intervento all’assemblea dell’Anci.

«C'è molta attenzione verso le festività natalizie, che sono le più sentite: il governo non ha la palla di vetro ma sta rivelando che ci sono segnali positivi nella curva epidemiologica per effetto delle misure adottate. Ora nessuno si avventura a dire quale sarà l’andamento della curva a Natale. Dobbiamo arrivare in prossimità e capire come dosare gli interventi. Certo, ci stiamo preparando a vari scenari ma non possiamo ora prevedere quale sarà la situazione epidemiologica».

«Io non dico se 21 indicatori sono giusti ma parlare di 5 o 3 è un dibattito scientifico, non può dirlo un’autorità politica. Dovremmo fidarci degli scienziati. Il dibattito è aperto. Provo a rassicurare che abbiamo concordato con il ministro Speranza, che Brusaferro e gli esperti li spieghino bene ai presidenti di Regione: nelle prossime ore dovrebbe esserci un incontro a livello di conferenza delle regioni. Ci sarà un contraddittorio con Speranza e Brusaferro, vedremo se le richieste delle Regioni hanno una plausibilità scientifica, se si può migliorare il sistema di monitoraggio, però passare da 21 a 5 a 3 indicatori, o dire io ne voglio 10, io ne voglio 8, capite che non ha molto senso». (ANSA)

19 Novembre 2020

Commenti all'articolo

  • Antonio

    2020/11/19 - 14:34

    Questa persona che vuol sempre fare il buon padre di famiglia si tenga pure i suoi proclami e i suoi comizi, co ha stancato. Gli Italiani sono stufi di fanfaroni e politici attaccati alla poltrona, troppo orgogliosi per fare la ben che minima autocritica sul loro pessimo operato.

    Rispondi