il network

Sabato 31 Ottobre 2020

Altre notizie da questa sezione

Blog


MUSICA

E' morto Alfredo Cerruti, fondò gli Squallor

Autore di Indietro Tutta di Arbore, ebbe una relazione con Mina

E' morto Alfredo Cerruti, fondò gli Squallor

Alfredo Cerruti con Mina negli anni '70

ROMA (18 ottobre 2020) - È morto Alfredo Cerruti, produttore discografico, attore, autore tv, ma soprattutto è stato il fondatore e la voce degli Squallor, il gruppo fondato nel 1971 insieme a Bigazzi, Pace e Savio. Era nato a Napoli il 28 giugno 1942. Molto noto negli ambienti dello spettacolo specie degli anni '70 e '80, aveva avuto anche una relazione con Mina a metà degli anni '70. È stato, specie con Renzo Arbore, anche un apprezzato, ironico autore televisivo: aveva collaborato tra l'altro ai testi di Indietro Tutta! ed era stato voce del professor Pisapia e una delle due voci dello sketch Volante 1 a Volante 2 (l'altro Arnaldo Santoro) Ha firmato insieme ad altri le edizioni 1998-1999 e 1999-2000 di Domenica in. A dare la notizia questa mattina su Facebook l’amico Natalino Candido sulla pagina fan club dedicata all’artista.

«Starà nei cieli a guidare la sua Volante": Renzo Arbore profondamente addolorato e commosso per la scomparsa dell’amico di una vita Alfredo Cerruti, tra gli autori di Indietro Tutta!, ricorda all’ANSA uno dei tormentoni mitici della tv degli anni '80 dovuti all’estro del produttore napoletano. «Aveva un talento incredibile nello scovare gli altri talenti: persone come Gigliola Cinquetti o i Pooh furono sue scoperte», prosegue Arbore che sottolinea l’importanza di Cerruti come discografico e non solo come televisivo. «E' stato un grande direttore artistico alla Cbs, alla Cgd e poi alla Ricordi», aggiunge ricordando anche il gruppo degli Squallor per cui divenne celebre, «canzoni che dissacranti era dir poco» ma che nella cultura degli anni '70 esprimevano libertà. «Per lo sketch del professor Pisapia mi telefonò un giorno - racconta ancora Arbore - Giuliano Pisapia, che poi è stato sindaco di Milano. Per le scale dell’Università Statale lo sbeffeggiavano: 'chiamo io o chiama lei?' e mi pregò di cambiare nome al personaggio». (ANSA)

18 Ottobre 2020