il network

Martedì 23 Luglio 2019

Altre notizie da questa sezione


BOZZOLO

L'Ong Pobic in Nigeria per il progetto 'Cuore aperto'

Già operati cinque bambini nigeriani al Gaslini. L'associazione bozzolese in Africa in agosto

L'Ong Pobic in Nigeria per il progetto 'Cuore aperto'

A destra il piccolo Immanuel con la mamma Gabrielle

BOZZOLO – Sono i volti sereni delle mamme Juliette e Gabrielle e quelli spensierati dei bambini Confidence e Immanuel, ancora troppo piccoli per capire fino in fondo quanto successo, le immagini migliori per la presentazione del progetto 'Cuore aperto' dell'associazione Pobic che sbarcherà, dopo i paesi dell'est Europa, anche in Nigeria. La delegazione della Pobic effettuerà un viaggio a Yenagoa tra poco più di un mese (dal 29 luglio al 10 agosto) per sottoscrivere gli accordi istituzionali con i rappresentanti dello stato della Bayelsa, nel sud della Nigeria. Progetto che in concreto è già stato avviato lo scorso ottobre con i primi interventi al cuore a due bambini ed è proseguito con le altre operazioni, effettuate sempre al Gaslini di Genova, ad inizio giugno. Oggi dall'ospedale genovese verranno a Bozzolo la 12enne Stephanie, anch'ella operata al cuore, e la mamma Gloria. Il gruppo tornerà a casa il prossimo primo luglio.

Della delegazione che si recherà a Yenagoa faranno parte il presidente Paolo Novellini, il responsabile dei progetti esteri Giancarlo Nolli, il medico ex responsabile dell'Areu di Mantova Carlo Calamari e il nigeriano Festus Adedayo, dipendente e volontario dell'associazione. “Il viaggio – spiega Novellini – servirà per mettere nero su bianco il progetto che ha già dato nuova vita a cinque bambini nigeriani e dunque è più concreto che mai. I partner locali saranno il Federal Medical Center di Yenagoa e l'ospedale di Okolobiri. Tra le personalità che incontreremo ci sarà sicuramente il Ministro della Sanità dello stato della Bayelsa. Il viaggio – conclude Novellini - sarà anche l'occasione per verificare la possibilità di introdurre il progetto Emergeny Transport (chiuso nella regione di Bongouanou in Costa D'Avorio nel 2012, nda) a Ibadan, capitale dello stato di Oyo”. 

23 Giugno 2013