Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

SORESINA

Vandali in azione contro le piante dei volontari

Decine di alberelli, piantati in ricordo di amici scomparsi e persone care, martoriati, sradicati e avvelenati. Berlonghi: «Siamo demoralizzati ma sostituiremo gli esemplari danneggiati»

Andrea Arco

Email:

andreaarco23@gmail.com

02 Maggio 2022 - 18:40

Vandali in azione contro le piante dei volontari

U giardino creato da Un Albero per Soresina

SORESINA - Vandali in azione contro le piantine dei volontari. Terribile gesto quello che si è consumato nel corso dell’ultima settimana in diverse aree di Soresina. Gli alberelli piantati da studenti, famiglie e associazioni in ricordo di amici scomparsi e persone care sono stati martoriati, sradicati, avvelenati a decine. Un duro colpo per i ragazzi di Un Albero Per Soresina che, nel giro di un annoi, hanno rinverdito le aree urbane con oltre 200 fusti: «Ci ha molto demoralizzato ma sostituiremo le piante danneggiate. Dispiace constatare – spiega il portavoce Alessandro Berlonghi – che manchi il rispetto per il lavoro altrui. C’è chi stacca dall’ufficio o dalla ditta dopo 10 ore di fatica e preferirebbe tornare a casa immediatamente per abbracciare i propri figli. Invece deve trattenersi per riparare a questi torti». Allertato il Comune e anche i carabinieri. Salvo l’arbusto dedicato al giornalista de La Provincia Matteo Berselli, più sfortunati molti altri.

Una piantina come quella dedicata al cronista Matteo Berselli

Un Albero per Soresina è una bellissima e commovente iniziativa nata dalla collaborazione fra Berlonghi, Consulta Giovani Soresina e sezione locale dell’Avis. A renderla possibile l’Ente Regionale per i Servizi dell’Agricoltura e della Foreste, che ha donato al municipio 100 alberelli, subito piantati. L’entusiasmo per il progetto è stato tale che, di loro spontanea volontà, hanno aderito anche tantissimi altri cittadini e, alla fine, a mettere radici sono state il doppio delle piante. Una dedicata anche al cronista Berselli, nella zona industriale di via Inzani. È stata una delle poche risparmiate dai vandali, si pensa giovanissimi. Nella zona del cimitero, invece, il serbatoio dell'acqua è stato riempito di sapone, ai Giardini Boni le piante sono state sradicate, in via Volontari del Sangue rubate o distrutte.

I volontari al lavoro

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400