Cerca

Eventi

Tutti gli appuntamenti

Eventi

LA POLEMICA

Fondi per l'edilizia pubblica: l'Aler replica a Piloni

Il consigliere dem: "Cremona territorio di serie B". L'agenzia: "Premiati i progetti strategici"

La Provincia Redazione

Email:

redazioneweb@laprovinciacr.it

27 Gennaio 2022 - 17:06

Fondi per l'edilizia pubblica: l'Aler replica a Piloni

CREMONA - "Cremona per la Regione è un territorio di Serie B", ha attaccato ieri il consigliere regionale dem Matteo Piloni, dopo la pubblicazione le graduatorie del bando "Sicuro, verde e sociale" per la riqualificazione dell'edilizia residenziale pubblica. "L'agenzia Aler di Brescia-Cremona-Mantova ha presentato solo progetti su Brescia – ha detto Piloni – senza contare che i Comuni che hanno ottenuto i fondi sono tutti vicini, se non organici, al centrodestra e alla Lega". Oggi arriva la replica dell'Aler, che ribadisce i criteri di valutazione adottati e chiarisce le proprie linee strategiche.

"Innanzitutto - si legge nella nota diffusa dall'Azienda Lombarda per l'Edilizia Residenziale - il bando era finalizzato ad intervenire sul patrimonio di edilizia residenziale pubblica di proprietà delle Regioni e Province autonome, dei Comuni e degli ex Istituti autonomi per le case popolari (in Regione Lombardia individuabili nelle Aziende Lombarde per l’edilizia residenziale – Aler), con l’obiettivo di migliorare l’efficienza energetica del patrimonio residenziale, la resilienza e la sicurezza sismica, nonché la condizione sociale dei tessuti residenziali pubblici, finalità del tutto inconferenti con il tema del recupero degli alloggi sfitti". Inoltre, specifica, l'Aler, "i criteri per la formazione della graduatoria dei progetti ammissibili premiavano in particolare i progetti che oltre alla riqualificazione energetica prevedessero interventi di adeguamento sismico da attuare in zone ad elevata sismicità". 

Aler "avendo una parte importante del proprio patrimonio in zona sismica 2 ed essendo particolarmente sensibile al tema della sicurezza degli assegnatari - prosegue la nota - ha inteso strategicamente proporre progetti su questi immobili. Aler, con l’occasione segnala l’importante attività che sta svolgendo per sfruttare l’opportunità data dal decreto 34/2020 cd Rilancio che ha introdotto il Superbonus 110, avendo ricevuto numerose manifestazioni di interesse da qualificati proponenti su tutte le proprie città e province. Per dare un’idea della portata dell’attività in corso, su un patrimonio di 15.000 alloggi Aler ha ricevuto accessi agli atti per progettare l’efficientamento di quasi 7.000 alloggi, di cui 2.400 nel territorio cremonese. Per Aler ciò ha significato un’attività di reperimento di dati e documenti da fornire agli operatori economici, con l’auspicio che questo sforzo produca almeno in parte proposte concrete che Aler si sta attrezzando per valutare. La prima proposta depositata riguarda 250 alloggi, di cui 135 prevalentemente nella città di Cremona".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Aletti.renzo

    27 Gennaio 2022 - 18:11

    Ancora una magra e pessima figura del solito Piloni, cosa volete mai quando si milita in un certo partito, spesso ci si perde in polemiche senza senso.

    Report

    Rispondi